eGov

Giacomelli: “per lo sviluppo della banda larga servono 5 miliardi di euro”

giacomelli

Per lo sviluppo della in Italia “servono 5 miliardi di euro, da prevedere nel fondo Sviluppo e coesione nei prossimi anni. Del resto il presidente del Consiglio ha preso l’impegno di portare l’Italia tra le locomotive d’Europa, rispetto alla rivoluzione digitale, e penso che gli atti di programmazione debbano essere conseguenti”. Lo ha detto il sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico con delega alle telecomunicazioni a margine di un incontro a Firenze nella sede della Regione Toscana sul tema della Banda larga e ultralarga.

Secondo Giacomelli, le risorse permetteranno interventi rivolti a portare la banda larga nelle zone più decentrate, le cosiddette “aree a fallimento di mercato”.Servirà – ha aggiunto – un intervento diretto dello Stato per arrivare entro il 2020 all’obiettivo europeo di avere linee di almeno 30 megabit” al secondo.

Il sottosegretario ha poi annunciato che su questo fronte ci saranno ulteriori interventi. “Nello Sblocca Italia – ha spiegato – ci sarà un pacchetto di norme che aiuti la posa della fibra, superando le lentezze burocratiche, le frammentazioni e che preveda anche la predisposizione dei nuovi edifici alla connettività. Servirà anche un ‘catasto del sottosuolò per mettere a disposizione di tutti tutte le informazioni”. Altro aspetto “è la creazione di uno sportello unico a cui gli operatori possano rivolgersi per la posa della fibra”. Giacomelli ha infine osservato che “ci sono tanti piani regionali ma serve un piano nazionale per la banda larga in Italia, per rendere omogeneo lo sviluppo”. 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This