Market & Business

Netcomm, Liscia: nuove regole nell’ecommerce per tutelare aziende e consumatori

e-commerce-consigli-

“Osserviamo da anni che l’e-commerce è sempre più percepito dalle aziende come un canale necessario per l’espansione del proprio business”: lo afferma Roberto Liscia, Presidente di – Consorzio del Commercio Elettronico Italiano.

lisciaLo dimostra l’andamento del fatturato complessivo che risulta positivo: +20% all’anno negli ultimi anni ed è stimato oltre i 13 miliardi di euro per il 2014, congiuntamente all’impennata del numero di acquirenti online italiani che sono passati in tre anni da 9 a 16 milioni. Si assiste quindi al forte interesse delle imprese, in particolare del Made in Italy e della grande distribuzione, che si sono rese conto delle grandi opportunità che il digitale può offrire in un momento in cui i fattori recessivi stanno mettendo in discussione i modelli di business e di vendita tradizionali.

Proprio la stabile crescita a doppia cifra dell’eCommerce mostra come le aziende italiane stiano adottando sempre più una strategia multicanale, vero fattore chiave che può consentire all’ B2c di raggiungere in Italia valori comparabili a quelli dei mercati esteri. Il ritardo, malgrado i fattori positivi, però rimane e l’Italia è ultima in quasi tutte le classifiche su tutti i fattori che condizionano lo sviluppo.
Le imprese che vendono online sono solo il 4% del totale, l’accesso alla banda larga rimane ancora carente e la copertura finanziaria per gli investimenti necessari sono ancora un interrogativo non risolto. I servizi digitali della pubblica amministrazione sono pochi, frammentati e di difficile accesso e soprattutto una fetta ancora consistente di italiani non ha ancora fiducia nell’effettuare acquisti on line. In questo quadro la dimensione delle imprese diventa quindi un fattore abilitante.

Anche se in Italia le prime 200 imprese web hanno una quota di mercato superiore al 70%, sono ancora poche le aziende italiane che competono sul mercato internazionale online e il nostro Paese è, di fatto, assente nella competizione internazionale. La competitività a livello globale è in discesa e il potenziale del Made in Italy, che potrebbe trovare più facilmente sbocchi su questi mercati, non è sfruttato appieno. “Si prevede che nel 2018 le vendite cross country, nel mondo, raggiungeranno i 307 miliardi di dollari, coinvolgendo oltre 130 milioni di acquirenti – prosegue Roberto Liscia. “Ovvero eShopper evoluti di cui le nostre imprese dovranno saper intercettare bisogni e richieste, perché la via digitale è ormai connaturata ai nostri tempi e nel Net Retail che stiamo osservando è divenuta imprescindibile”.


“Anche le iniziative delle AGCM europee, in cui si inserisce la due giorni organizzata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato insieme al Ministero dello Sviluppo Economico, sono intese ad armonizzare regole e direttive europee e vanno nella giusta direzione per proteggere da un lato i consumatori e dall’altro le imprese più piccole e medie, chiamate a viva voce alla sfida internazionale – continua Roberto Liscia. “Infatti, proprio la globalizzazione del mercato digitale pone sempre più l’esigenza di avere regole, sistemi di controllo e sanzioni il più omogenei possibili per evitare di creare differenziazione tra i diversi mercati con conseguenze negative sullo sviluppo complessivo.”

Il mercato del commercio elettronico ha adottato un sistema di regole come la recente direttiva CRD diventata legge in Italia il 13 giugno che non ha confronto in termini di tutela del consumatore, se si osservano tutti gli altri settori e canali tradizionali.

Ciò nonostante il mercato, in particolare quello transfrontaliero, non progredisce con i tassi di crescita che dovrebbe avere stante la forza propulsiva del digitale e della globalizzazione in atto. Perchè i consumatori sono diffidenti nell’acquisto transfrontaliero, le imprese hanno ancora difficoltà ad affrontare i mercati internazionali e in particolare le piccole imprese sono svantaggiate rispetto ai grandi gruppi. Sempre più si rende necessario creare un sistema di regole, controlli e sanzioni il più omogeneo possibile per aumentare la fiducia dei consumatori, mentre è opportuno per le imprese rendere effettivi i meccanismi di controllo e sanzionatori in tutta Europa, per non creare evidenti difformità competitive e soprattutto per non facilitare lo spostamento delle aziende nelle aree che ritengono più vantaggiose.

Su questo versante Netcomm insieme all’associazione europea di cui è socio fondatore con altri paesi e che oggi raccoglie 15 paesi, Ecommerce Europe, ha varato in ogni paese un Trustmarkt rispondente ai requisiti delle direttive e delle leggi concernenti il commercio elettronico. Viene rilasciato solo alle imprese che sono completamente in linea con le legislazioni vigenti: ad oggi hanno aderito a questo Sigillo di qualità più di 5000 aziende in Europa. A questa iniziativa si lega, inoltre, un meccanismo di risoluzione paritetica delle controversie insieme alle associazione dei consumatori e la creazione di un TrustMark europeo.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This