Market & Business

Aruba: il Mobile Working è il futuro, reparti IT mondiali sotto pressione

Mobile

Networks ha presentato una ricerca globale che evidenzia come il 70% dei professionisti IT (sette su dieci) senta la pressione di offrire e supportare un ambiente di lavoro all-wireless per i dirigenti di alto livello e i dipendenti della , nuova generazione di utenti esperti che si affida ai dispositivi mobili per ogni aspetto del proprio lavoro e per le comunicazioni personali, che chiedono maggiori flessibilità e collaborazione. Aruba ha intervistato 1.000 professionisti IT a livello globale per capire come stiano gestendo i dipendenti #GenMobile e, al contempo, ha commissionato a The Future Laboratory, società di consulenza specializzata sulla previsione dei trend, di esplorare come il luogo di lavoro si trasformerà nel prossimo futuro.

Entrambi gli studi indicano che lo sviluppo di un posto di lavoro all-wireless flessibile non è più un’opzione ma un obbligo. Oltre a un vantaggio competitivo significativo, gli imprenditori riconoscono la fidelizzazione dei dipendenti, l’aumento della produttività, il risparmio sui costi. Tuttavia, i risultati evidenziano che solo il 14% dei dipendenti godono della flessibilità e della libertà necessaria, suggerendo che le imprese hanno ancora molto lavoro da fare.

Gestire la #GenMobileprincipali risultati

  • Il 51% delle organizzazioni a livello mondiale lo scorso anno ha visto un aumento del lavoro mobile/da remoto e il 77% ha notato un aumento dell’organico #GenMobile che utilizza dispositivi mobili per lavoro
  • Il picco nella mobilità ha portato quasi il 70% dei professionisti IT ad avvertire l’urgenza di ottenere miglioramenti per un ambiente di lavoro mobile (in Italia, la maggior parte degli intervistati ha dichiarato che la propria azienda non ha ancora attitudine al e che non ha una policy per il BYOD ma ne sente l’esigenza)
  • Per sostenere le richieste di mobilità da parte di dirigenti e #GenMobile, il 71% dei reparti IT ha incrementato gli investimenti in Wi-Fi, mentre al 46% è stato concesso un aumento di budget per progetti futuri di mobilità (in Italia, la pressione da parte della classe dirigente è stata notevolmente più forte del passato; l’azienda, tuttavia, nella maggior parte dei casi non ha ancora allocato un budget specifico)
  • Il 56% delle aziende intervistate incoraggia o non ha una politica che vieta l’uso di dispositivi personali sul posto di lavoro. Solo il 12% scoraggia l’uso di dispositivi personali per lavoro
  • Il 77% dei dirigenti ha espresso diversi livelli di interesse per le tecnologie mobili sul posto di lavoroper sostenere i dipendenti #GenMobile
  • Il dibattito su come sostenere il BYOD sta diventando questione del passato, infatti il 59% dei professionisti IT ha segnalato che l’azienda ha già pienamente abbracciato il BYOD per i dipendenti o ha attuato nuove politiche per sostenerlo.

Dirigenti e dipendenti #GenMobile preferiscono uno stile sempre più mobile di lavoro; i reparti IT avvertono la pressione diadattare gli investimenti tecnologici esistenti per soddisfarne le esigenze“, dichiara Ben Gibson, direttore marketing diAruba Networks. “L’ambiente di lavoro del futuro non dovrà solo riadattarsi per allinearsi al budget IT, ma richiederà anche un’infrastruttura mobile-centrica e wireless protetta, un passo verso il self-service da parte del dipendente, la volontà di abbracciare le tecnologie consumer per migliorare la produttività della #GenMobile”.

I risultati dell’indagine mostrano che la mobilità è uno strumento di produttività altamente auspicabile, ma non a scapito della sicurezza aziendale o personale. Quando i professionisti IT sono stati interpellati sui problemi di sicurezza legati alla mobilità, il 74% ha valutato i requisiti necessari per mantenere in sicurezza l’ambiente mobile sulla base delle caratteristiche di sicurezza dei dispositivi dei dipendenti o delle esigenze dei dipendenti che utilizzano dispositivi in ambienti di lavoro mobile. Solo il 13% ha risposto che i problemi di sicurezza gli hanno impedito di permettere il lavoro mobile per i dipendenti #GenMobile.

Per quanto riguarda i professionisti italiani , la maggior parte dichiara di avere adottato soluzioni di mobility in modo selettivo sulla base di quanto ritenute sicure. “Le aziende stanno iniziando a comprendere gli evidenti vantaggi di un ambiente di lavoro mobile”, continua Gibson. “E ‘ormai indispensabile che ci siano gli investimenti appropriati per garantire sia l’attività di lavoro sia il dipendente”.

Per quanto riguarda il rapporto commissionato a The Future Laboratory, da esso emerge che il termine ufficio tenderà a diventare obsoleto come modello per i lavori emergenti. Il posto di lavoro del futuro faciliterà la cultura del lavoro flessibile in una società dove le nove ore per cinque giornate lavorative sarà sempre più l’eccezione piuttosto che la regola. Il luogo di lavoro moderno sarà un hub con una formula mista tra chi viaggia per lavoro e chi per piacere, tra spazi di lavoro condivisi e ambienti di lavoro flessibili.

Le nuove tecnologie e i nuovi modi di fare business stanno trasformando irreversibilmente il nostro modo di progettare gli uffici così come il modo in cui pensiamo di spazi di lavoro“, afferma il co-fondatore di Future Laboratory, Chris Sanderson. “Le tecnologie cloud-based e il maggiore utilizzo di dispositivi mobili come strumenti di lavoro stanno inaugurando un nuovo paradigma sociale, culturale e aziendale in cui i posti di lavoro sono più aperti e collaborativi, meno gerarchici, e le persone della #GenMobile vi accedono gestendo in autonomia gli orari di lavoro”. Questo perchè:  “Non siamo più semplicemente dipendenti al lavoro e persone private a casa”, dice Martin Lindstrom, autore ed esperto di brand. “Le persone ormai controllano la posta personale sul posto di lavoro e le mail di lavoro a casa. I confini tra lavoro e gioco si fondono a tutti i livelli”. 

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This