Digitaliani

Safety For Food: la piattaforma di collaborazione per la comunità scientifica globale

sicurezza alimentare

Realizzare una carta Costituzionale dell’Agroalimentare, ricca di indicazioni e buone pratiche per la sicurezza alimentare, da proporre a tutto il mondo come eredità dell’esposizione universale Expo 2015. E’ questo l’auspicio con cui oggi a Milano Cisco Italia e Penelope SpA hanno presentato una piattaforma tecnologica di collaborazionemettendola a disposizione della comunità scientifica Internazionale, nel quadro del progetto

Safety For Food, patrocinato del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, dall’AgID, dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), da  Spa e infine dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano, nasce con l’obiettivo di realizzare una “banca dati mondiale” dei prodotti agroalimentari che consentirà al comparto industriale, agli enti preposti ed in ultima analisi anche ai consumatori di ottenere una completa tracciabilità e rintracciabilità delle produzioni, secondo regole e standard internazionali in materia di sicurezza, qualità e origine degli alimenti. Il tutto attraverso una complessa piattaforma tecnologica operata da Penelope SpA con la consulenza di Cisco Italia con cui controllare la catena di trasformazione, monitorare la distribuzione e la comunicazione verso i consumatori. “Una delle principali innovazioni del sistema è connessa alla semplificazione del processo di lettura delle informazioni che consente di al consumatore, attraverso l’opportuna interrogazione dell’etichetta intelligente riportata sull’articolo che si intende acquistare, di poter accedere in tempo reale ai dati relativi alla storia del prodotto” ha spiegato Francesco Marandino, Amministratore di Penelope “Con questo sistema si è di fatto introdotto un nuovo strumento per la lotta alla contraffazione e per la salute dei cittadini. Possiamo definire che da oggi nasce il “Passaporto digitale dei prodotti agroalimentari”.

Pertanto, nel quadro del progetto Safety for Food si è quindi deciso di mettere gratuitamente a disposizione del CNR un ambiente di collaborazione e condivisione dedicato alle comunità scientifiche nazionali ed internazionali. Ancor prima dell’inizio di Expo2015, che si pone come evento di confronto a livello mondiale per affrontare in maniera sistemica le problematiche globali sul cibo, tutte le comunità scientifiche avranno modo di incontrarsi “in rete” e condividere e predisporre percorsi comuni di collaborazione, di informazione e di definizione di possibili regole fondamentali che potrebbero condurre alla “Carta Costituzionale dell’Agroalimentare”. 

“Abbiamo una piattaforma tecnologica che connette tutti gli “anelli” della filiera, consentendo di raccogliere dati e informazioni che prima rimanevano silenti, e ora invece possono essere utilizzati da tutti i soggetti della catena– incluse le istituzioni preposte alla sicurezza alimentare. Ora, con l’ambiente di collaborazione,  entra in gioco anche la comunità scientifica mobilitata intorno ai temi di Expo Milano 2015 puntando all’ambizioso obiettivo di elaborare una carta comune della sicurezza alimentare”  ha detto Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia.Si completa così un circolo virtuoso che può realizzare ciò che noi riteniamo debba essere il risultato finale dell’adozione della tecnologia: ovvero la produzione di un impatto positivo generalizzato, capace di creare sviluppo economico e sviluppo umano globalmente sostenibile. Questo complesso intreccio, che crea valore attraverso nuove connessioni fra persone, dati, processi, elementi del mondo fisico,  è un esempio reale di ciò che può nascere dall’Internet of Everything” ha concluso Santoni.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This