Legal & Digital Rights

Corte Usa “obbliga” Microsoft a rendere disponibili informazioni su server irlandesi

La giustizia statunitense obbligherebbe a consegnare informazioni sugli utenti collocate nei server irlandesi. Secondo una sentenza del tribunale di New York, e secondo quanto riportato dal Guardian, le email e le informazioni private provenienti dai clienti delle compagnie americane devono essere consegnate alle autorità statunitensi a fronte di una richiesta formale, anche se i dati sono memorizzati su server al di fuori del suolo statunitense.

Gli attivisti in materia di privacy avvertono che la decisione potrebbe colpire gli utenti dei servizi Internet degli Stati Uniti ed è in diretto conflitto con le norme UE in materia di protezione dei dati. In una dettagliata sentenza il giudice James Francis ha detto che le aziende statunitensi, tra cui Microsoft e Google, devono consegnare le informazioni private al momento della presentazione di un mandato di perquisizione emesso dalle forze dell’ordine USA. “Anche quando applicata a informazioni memorizzate nei server all’estero, un mandato non viola la l’applicazione extraterritoriale della legge americana” ha concluso.

Microsoft aveva cercato di eludere un mandato del governo che aveva richiesto alcune informazioni riguardo ad un utente presenti su un server operativo a Dublino, sostenendo che l’Irlanda è al di là dei confini della legge degli Stati Uniti , ma il giudice Francis ha respinto la mozione di Microsoft. Questa sentenza crea delle difficoltà non solo nella gestione delle utenze ma, soprattutto, nel rapporto con le aziende.

Forzare le aziende statunitensi a consegnare i dati gestiti su server esteri rende i cittadini del Regno Unito vulnerabili a eventuali richieste se usano i servizi americani” sostiene Jim Killock , direttore esecutivo di Open Rights Group in un’intervista al Guardian. “Dopo le rivelazioni di Snowden , questa sentenza può minare ancora di più la fiducia dei clienti nelle imprese statunitensi. Quello che noi già sappiamo sulle attività di sorveglianza ora sembra ancora più vero“.

David Howard, vice presidente corporate e consigliere generale di Microsoft, ha spiegato in un post sul blog dell’azienda che la società intendeva contestare formalmente il mandato. “Il governo degli Stati Uniti non ha il potere di cercare una casa in un altro paese, né dovrebbe avere il potere di verificare il contenuto delle e-mail memorizzate all’estero” ha scritto .”Gli Stati Uniti hanno stipulato numerosi accordi bilaterali che istituiscono procedure specifiche per ottenere prove in altri paesi. Pensiamo che le stesse regole dovrebbero applicarsi nel mondo online ma il governo non è d’accordo“.

Microsoft continuerà il suo processo d’appello, presentando il caso ad un tribunale superiore e tentando di combattere alcune delle “sfide giurisdizionali ” provocate dalle questioni sulla privacy online e dalla lentezza con cui la legge in materia viene aggiornata. Certo è che questa sentenza contribuisce ad aumentare l’apprensione dei cittadini dell’Unione Europea circa il trattamento dei propri dati da parte delle leggi statunitensi.

 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Gestione dei dati su server europei: Microsoft ancora nel mirino giudici Usa | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This