Market & Business

Trimestrali: Apple batte le previsioni, ricavi per 45,6 miliardi di dollari

Ottime notizie per : i risultati finanziari dell’azienda di Cupertino  batte le previsioni degli analisti che, quest’anno, stimavano il primo calo delle entrate anno su anno dopo 11 anni.  
Il fatturato e le vendite sono in aumento rispetto al 2013 e sorprendono positivamente gli analisti. I profitti ammontano a 10,2 miliardi di dollari rispetto ai 9,5 miliardi dell’anno precedente. Il margine lordo è del 39,2% rispetto al 37,5% del 2013. Il fatturato ammonta a 45,6 miliardi dollari, contro i 43,6 del 2013, con un aumento del 4% rispetto allo scorso anno.

Nel comunicato ufficiale il Ceo della Apple Tim Cook ha dichiarato “siamo molto orgogliosi dei nostri risultati trimestrali, specialmente per il fatturato legato alle nostre ottime vendite di iPhone e all’offerta di servizi. Siamo ansiosi di introdurre nuovi prodotti e servizi che solo Apple potrebbe portare sul mercato”. Per quanto riguarda le vendite, Apple ha venduto 43,7 milioni iPhone con una crescita annuale del 17% superando ogni aspettativa, mentre cala il numero degli iPad venduti, con una flessione del 16%.

Buoni risultati per il Mac, con 4,14 milioni unità vendute rispetto ai 4,03 milioni del 2013 e buoni i numeri dell’iPod con 2,76 milioni di unità rispetto alle 2,99 milioni dell’anno precedente. Gli iPod, quindi, continuano a scendere (si parla del 51%), mentre continuano a crescere iTunes e servizi web con un +11% annuale.

I ricavi ottenuti dalle vendite degli iPhone arrivano a 43,7 milioni di dollari contro i 37,7 milioni previsti.

Apple ha annunciato, inoltre, che verrà effettuato uno split delle azioni con rapporto di 7 a 1. Ciò vuol dire che gli azionisti Apple al 2 giugno 2013 riceveranno 7 azioni aggiuntive per ogni azione posseduta, mentre le contrattazioni riprenderanno con un prezzo aggiustato di conseguenza (un settimo di quello registrato al 2 giugno) il 9 giugno 2014.

Per quanto riguarda le previsioni per il prossimo trimestre (Q3), Apple si attende un fatturato compreso fra i 36 e i 38 miliardi di dollari; un margine lordo compreso fra il 37% e il 38%; il costo delle spese operative fra i 4,4 e i 4,5 miliardi di dollari; altre entrate o spese per 200 milioni di dollari; una aliquota fiscale del 26.1%.

Stefania Carulli

Stefania Carulli

Stefania Carulli è consulente per la formazione. Dal 2009 al 2013 si è occupata di master post lauream e di corsi di aggiornamento per i dipendenti della P.A. E’ dottore di ricerca in Scienze della Comunicazione alla Sapienza, Università di Roma, con una tesi sull’impatto della cultura partecipativa del web sulle dinamiche associative del volontariato organizzato.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This