Market & Business

Video e mobile: i tre fattori chiave per l’aumento dei consumi

Da una ricerca di Strategy Analytics, i cellulari con uno schermo più grande, una migliore qualità video e la diffusione della rete 4G sono i tre fattori chiave per un maggiore consumo di contenuti video sui cellulari.

Lo studio – condotto negli Stati Uniti, Cina, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito – ha rivelato che il 42% dei proprietari di telefoni cellulari sarebbero incentivati a guardare un numero maggiore di video se avessero schermi più grandi su propri dispositivi mobili. L’offerta di video di qualità migliore(35%) e la rete 4G (29%) sono gli altri due elementi che porterebbero ad un consumo più esteso di video da cellulare.

Attualmente, quasi tre quarti (72%) dei proprietari di smartphone guardano video sul proprio telefono cellulare, tuttavia, solo il 44% lo fa almeno una volta alla settimana. Meno di 1 su 7 (15%), guarda video sul proprio dispositivo quotidianamente. A sparigliare le carte ci pensano i cinesi, ad oggi gli utenti più attivi su questo fronte: il 59% guarda dei contenuti video ogni settimana, rispetto al 40% degli americani.

Nonostante i numeri, la diffusione dei video su dispositivi mobili potrebbe non avere ulteriori margini di crescita: infatti, solo l’8% dei possessori di telefoni cellulari che non offrono contenuti video ha indicato un interesse verso questa possibilità data dagli smartphone. Tra i consumatori di video su mobile, lo studio segnala che il 40% guarda contenuti video per meno di 30 minuti alla settimana, il 22% tra i 30-60 minuti e il 21 % da 1 a 3 ore, mentre 14% è impegnato in questa attività per più di 3 ore a settimana, l’equivalente di un intero film. “La fruizione di contenuti video riguarda, inizialmente, il miglioramento dell’esperienza a fronte dei costi dei servizi” spiega Nitesh Patel , direttore di Wireless Media Strategies di . “Gli operatori devono impegnarsi a migliorare la regolarità e la durata della visualizzazione, soprattutto per spostare i consumatori verso pacchetti dati e piani tariffari superiori”.

I browser sono anche due volte più popolari delle applicazioni per i video su mobile. 7 spettatori su 10 di video su mobile segnalano che lo streaming dei contenuti avviene attraverso il loro browser rispetto al 35% degli spettatori che usano applicazioni ad hoc. Il  22% guarda video trasferiti sul proprio telefono cellulare da un altro dispositivo, mentre ci sono più probabilità che il consumo di video avvenga tramite WiFi (68%) che tramite una rete mobile (24%). La Francia è in testa alla classifica per la quantità di streaming su rete 3G/4G(33%) seguita dagli USA (30%) .

YouTube e Google, invece, rimangono gli operatori preferiti per i video su mobile. Tra i consumatori di video, attuali e potenziali , il 64% degli spettatori valuta YouTube il sito preferito per i video su cellulare, seguito da Google (49%), dai fornitori dei servizi di telefonia mobile (27%), Apple (26%) e da ultimo Amazon(22%) .

David Kerr, Vice Presidente Senior della Global Wireless & Digital Practice Consumer conclude: “Anche se i brand esistenti, come ad esempio YouTube, sono i fornitori preferiti per contenuti video, una quota significativa di questo servizio è fornita dai produttori di telefoni e gli operatori di telefonia mobile. Di conseguenza, i fornitori di contenuti video devono continuare a considerare i produttori di cellulari e gli operatori di telefonia come partner strategici per incentivare il consumo di video mobile”.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This