Lobbying 2.0

La democrazia secessionista

gettysburg1

L’ultima grande online non riguarda l’Expo, i tagli alle auto blu o la destinazione dei fondi pubblici. Temi troppo aulici per chi guarda alla sostanza. Per questo in Veneto hanno organizzato una consultazione sulla secessione della regione dal resto della Penisola. Iniziativa genuina, concreta, e tutta local. Promotori gravitanti intorno al comitato plebiscito.eu, durata di pochi giorni (dal 19 al 21 marzo), spoglio finale dei risultati in piazza a Treviso e possibilità di partecipare online, ma anche al telefono. La domanda, peraltro, era semplicissima: “vuoi che il Veneto diventi una repubblica sovrana e indipendente?”.

Indipendenza VenetoAlla notizia della consultazione, rimbalzata su tutti i quotidiani e commentata da più di un politico di primo piano (tra questi il governatore del Veneto, Luca Zaia, che si è dichiarato favorevole) ha fatto seguito la ancor più clamorosa notizia dei risultati. Stando a quanto dicono i promotori è stato un successo inaudito. Non solo, sostengono, avrebbero votato 2 milioni e 300mila persone, ma il 90% di loro si sarebbe pronunciata a favore della secessione. In pratica, due colpi in uno: maggioranza e affluenza al voto, entrambe senza precedenti.

Qualcuno più tardi smentirà quei risultati, diffondendo cifre meno eclatanti. La notizia, comunque, è altrove. Sta nello strumento. Finora, a livello locale almeno, eravamo abituati ai sondaggi d’opinione. Strumenti considerati da tutti – tranne da chi li usava – facilmente manipolabili e proprio per questo poco affidabili. Sicché avevamo fatto tutti il callo all’idea che i numeri snocciolati dai politici per riportare l’opinione delle comunità locali erano strumenti da prestigiatore, utili in televisione o al comizio, meno nel momento in cui si trattava di decidere.

La consultazione ci porta su un livello più alto. Sì, peccato solo per la gestione. A partire dalla commistione tra un mezzo di rilevazione che può essere taroccato, ma resta potenzialmente verificabile (il voto online) con uno che non puoi controllare (la telefonata). Fino ad arrivare alla proclamazione del voto, talmente esagerata nei numeri che nessuno – o quasi – ci ha creduto. Bisognerà spiegare agli amici del comitato promotore la regola d’oro di quando si copiava la versione di latino a scuola. Mai farla perfetta. Bisognava sempre inserire qualche errore per non insospettire la professoressa.

Qui di errori ce ne sono stati tanti, ma nei punti sbagliati. Il verdetto è inequivocabile: bocciati.

 

 

 

 

Gianluca Sgueo

Giornalista, post-doc in e Innovazione Sociale – Center for Social Studies, University of Coimbra. E’ direttore dell’area Istituzioni di I-Com, l’Istituto per la Competitività. Nel 2012 ha pubblicato “Lobbying&Lobbismi” con Egea.

Twitter 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This