Social Business

Sostenibilità sociale…dal punto di vista del business

Sustainability

Parlare al giorno d’oggi di sostenibilità risulta essere molto comune, soprattutto se si lega questo termine a tematiche quale ecologia, ambiente e natura. Ma è possibile delineare una ? Per rispondere a questa domanda è necessario partire dal significato stesso del termine:
La sostenibilità è la caratteristica di un processo o di uno stato che può essere mantenuto ad un certo livello indefinitamente.”

sustainabilityQuesta definizione ci fornisce notevoli elementi di riflessione in quanto introduce la sostenibilità come una caratteristica di un processo e non come un elemento a se stante oltre ciò sottolinea il fatto che ha senso parlare di sostenibilità esclusivamente se è possibile mantenere la medesima qualità nel tempo. Applicando questi spunti al mondo imprenditoriale possiamo allargare il concetto di sostenibilità anche al sociale inteso come tessuto in cui un’impresa, opera e produce.

Operare in tale campo in maniera sostenibile per un impresa rappresenta tener conto sia di uno sviluppo armonico con il territorio (Pubbliche amministrazioni,realtà associative, etc) che i singoli individui concepiti non come lavoratori ma come capitale umano. Ciò significa cambiare il modo di disegnare i propri progetti di investimento, rendendoli flessibili e con l’obiettivo di coniugare il core business dell’azienda all’identità della comunità in cui si opera.

Creare best practise in questo senso comporta una riduzione dei costi, in termini di gestione e riduzione dei possibili conflitti, ed una maggiore produttività grazie al coinvolgimento degli stakeholders, non solo come forza lavoro, bensì come valore aggiunto nella propria professionalità.
Per entrare in questa particolare ottica è necessario però separare il concetto di profitto da quello di utile reinvestito. Ciò è un elemento ben preciso che va sviluppato partendo da un dato di realtà che spesso si ignora ma è fondamentale. Altrimenti è solo “wishful thinking”.
Le marginalità, nel breve periodo, di in un investimento “social” sono sicuramente minori ma siccome esso ha caratteristiche di sostenibilità si ha una proiezione di lunga durata nel tempo oltre ad avere, probabilmente una maggiore produttività.
Inoltre pensare in un’ottica di lungo periodo, per un’azienda, vuol dire anche preoccuparsi della salute della realtà in cui si agisce. Un esempio interessante in questo senso è il progetto “Better Cotton”, di IKEA la quale non punta solo a ridurre l’utilizzo di acqua o di pesticidi, nella produzione e trasformazione del cotone, ma mira anche a dare dignità alle persone che lo raccolgono, spesso sfruttate e mal pagate.

Progetti pensati secondo gli elementi sopra esposti pone le aziende non come mere operatrici in un sistema economico ma come dei veri think tank di progetti che non snaturando il proprio essere, pongono l’ accento sul futuro sia in termini di utili aziendali sia come “guadagno sociale”.

Fabrizio Pratesi

Fabrizio Pratesi

Fabrizio Pratesi è Public tender, consulente per l’internazionalizzazione d’impresa e . Faccio della mia passione il mio lavoro…o quantomeno ci provo.

LinkedIn Google+ 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This