Digitaliani

Pew Research e le 15 tesi sul futuro digitale: IoT buono o cattivo?

IOT

Il mondo si sta muovendo rapidamente verso la connettività ubiqua che vedrà ulteriormente cambiare come e dove le persone si associano, raccolgono e condividono le informazioni  e consumano i media. Una indagine su 2558 esperti di tecnologia interrogati sulla fatidica domanda sul dove saremo nel 2015,  ha rilevato risposte interessanti, stando a quanto dichiarato da Pew Research Center che ha realizzato l’indagine online  tra il 25 novembre 2013 e il 13 gennaio 2014.

Nel complesso gli esperti concordano sul cambiamento tecnologico che ci attende, anche se sono meno d’accordo sulle ramificazioni possibili. La maggior parte crede ci saranno:

  • Un ambiente globale coinvolgente, invisibile  e interconnesso basato sulle reti e costruito attraverso la continua proliferazione di sensori intelligenti, telecamere, software, database e dati di enormi centri di informazioni, ovvero l’.
  • “Realtà aumentata”, ovvero miglioramenti nella percezione della realtà attraverso l’uso di tecnologie portatili/indossabili/ impiantabili.
  • Cambiamento dei modelli di business nati nel 20° secolo (in particolare impattanti sulla finanza, sul mondo dell’intrattenimento , dell’editoria e istruzione) .
  • Tagging e  mappatura analitica dei mondi fisici e sociali.

Tutti d’accordo sulla positività di tali scenari? Non proprio. Nel complesso le previsioni degli esperti registrate da Pew possono essere raggruppate in 15 tesi sul nostro futuro digitale – otto delle quali caratterizzate da speranza nel futuro, sei da un buon grado di preoccupazione, e un altro da una valutazione neutrale, secondo cui dalle scelte che verranno fatte oggi si plasmerà il futuro.

Vediamoli nel dettaglio.

PRO

IOT1) La condivisione delle informazioni tramite Internet sarà così profondamente radicata nella vita quotidiana  delle persone che diventerà invisibile, sarà naturale come l’elettricità. Lo sostengono, ad esempio, David Clark,  ricercatore senior presso Computer Science del MIT e Artificial Intelligence Laboratory, secondo cui: “I device avranno sempre più  propri modelli di comunicazione, proprie reti sociali, che useranno per condividere informazioni. Sempre più gli esseri umani saranno in un mondo in cui le decisioni vengono prese da un insieme attivo di dispositivi che hanno collaborato tra loro. Internet (e la comunicazione mediata dal computer in generale) diventerà più pervasivo, ma meno esplicito e visibile”.

2) La diffusione di Internet migliorerà la connettività globale e favorirà maggiori rapporti mondiali e contribuirà a lottare contro l’ignoranza. La pensa così, ad esempio, Bryan Alexander dell’Istituto Nazionale per la Tecnologia a Liberal Education, secondo cui: “Sarà un mondo più integrato che mai. Vedremo amicizie più planetarie, rivalità, gruppi di lavoro, e gruppi di studio”. Paul Jones, professore presso l’Università del North Carolina e fondatore di ibiblio.org, aggiunge: “La televisione ci ha permesso di vedere il Villaggio Globale, ma Internet ce ne ha resi abitanti reali.”

3) L’Internet delle cose, l’intelligenza artificiale e i big data renderanno le persone più consapevoli del loro mondo e del loro comportamento.  Ne è convinto Judith Donath, delBerkman Center dell’Università di Harvard for Internet and Society “Avremo un quadro di come le persone passano il tempo, conosceremo la profondità del loro impegno negli hobby, gli amici e la famiglia. Questo cambierà il modo di pensare della gente, come stabiliamo la fiducia, come negoziamo il cambiamento, il fallimento e il successo.”

4) Realtà aumentata e dispositivi indossabili saranno usati per monitorare e dare un feedback rapido sulla vita quotidiana, soprattutto sul fronte della salute personale. Aron Roberts, sviluppatore presso la University of California – Berkeley , ha detto: “Possiamo già immaginare dispositivi indossabili e/o sensori domestici e sul posto di lavoro aiutarci a cambiare stile di vita e fornire diagnosi precoci per i rischi di malattia. Saremo letteralmente in grado di regolare i farmaci e modificare il nostro stile di vita giorno per giorno o addirittura una base ora per ora.”

5 ) La consapevolezza e l’azione politica saranno facilitati così emergeranno forme di cambiamento sociale pacifico. Rui Correia, direttore del NetDay Namibia, un’organizzazione non-profit a sostegno delle innovazioni tecnologiche per l’educazione e lo sviluppo, ha scritto: “Con le tecnologie mobili e applicazioni per lo scambio di informazioni che diventano onnipresenti, possiamo aspettarci un miglioramento significativo nella consapevolezza delle popolazioni rurali, altrimenti analfabete e normalmente male informate da governi manipolatori e corrotti. Come già accaduto nella primavera araba, possiamo aspettarci sempre più rivolte che si terranno come le persone che diventano più informate e in grado di comunicare le loro preoccupazioni”.

6) Diminuirà il significato delle frontiere e potranno emergere le nuove “nazioni” di coloro che hanno interessi comuni al di là della capacità di controllo degli attuali stati-nazione. JP Rangaswami di Salesforce.com, ha osservato: “I problemi che l’umanità deve ora affrontare sono problemi che non possono essere contenuti da confini politici o sistemi economici. Strutture tradizionali di governo e di governance sono quindi mal equipaggiate per gestire sensori, flussi, la capacità di riconoscere i modelli, la capacità di identificare le cause profonde , la capacità di agire sulle conoscenze acquisite, la capacità di fare qualunque o tutti questo alla velocità, mentre si lavora in modo collaborativo attraverso le frontiere e i fusi orari e dei sistemi e culture sociopolitiche. Dal cambiamento climatico alla lotta contro le malattie, dalla conservazione dell’acqua alla nutrizione,  la risposta sta in ciò che Internet sarà nei decenni a venire. Entro il 2025 avremo una buona idea dei suoi fondamenti “ .

7) Internet diventerà  Le Internet come accesso, sistemi e principi saranno rinegoziati. Ian Peter, pioniere di Internet, attivista e difensore dei diritti di Internet, ha scritto, “Internet si frammenterà. La connettività globale continuerà ad esistere, ma attraverso una serie di canali separati controllati da protocolli separati. Il nostro uso di questi canali per applicazioni separate sarà reso necessario da problemi di sicurezza e dalle policy delle nazioni”.

8) La rivoluzione applicata all’istruzione diffonderà maggiori opportunità, e si ridurrà la spesa per immobili e insegnanti. Secondo Hal Varian, capo economista di Google “L’impatto più grande sul mondo sarà l’accesso universale a tutta la conoscenza umana. La persona più intelligente del mondo attualmente potrebbe essere bloccata dietro un aratro in India o in Cina. L’attivazione di tale persona – e i milioni come lui o lei – avrà un profondo impatto sullo sviluppo della razza umana. Dispositivi mobili economici saranno disponibili in tutto il mondo, e strumenti educativi saranno a disposizione di tutti. Ciò avrà un impatto enorme sull’alfabetizzazione e porterà ad una popolazione mondiale più informata e più istruita”.

CONTRO

danger9) Cresceranno pericolose divergenze tra abbienti e non abbienti, con conseguente risentimenti sociali e possibili violenze. Lo teme Oscar Gandy, professore emerito presso la Annenberg School, University of Pennsylvania che ha risposto: “Dobbiamo pensare seriamente alle tipologie di conflitti che sorgeranno in risposta alla crescente disuguaglianza abilitata e amplificata per mezzo di transazioni in rete di cui beneficeranno i più piccoli segmenti della popolazione mondiale. I social media faciliteranno l’amplificazione di sentimenti di perdita e di abuso.”

10 ) Abusi e abusatori cresceranno. La natura umana non cambierà, la pigrizia, il bullismo, lo stalking, la stupidità, la pornografia….e coloro che li praticano avranno altri modi per rendere la vita difficile agli altri. Llewellyn Kriel  amministratore delegato e direttore di TopEditor International Media Services, ha previsto  che “Tutto – ogni cosa – sarà disponibile on-line con etichette di prezzo. Il Cyber ​​- terrorismo diventerà un luogo comune. Privacy e riservatezza diventeranno un ricordo del passato. Malattie online, dipendenze fisiche, sociali e mentali, interesseranno famiglie e comunità passando le frontiere”.

11) Pressati da questi cambiamenti, i governi e le società cercheranno di affermare il loro potere. Paul Babbitt, professore associato presso la Southern Arkansas University, ha previsto che “I governi diventeranno molto più bravi nell”uso di Internet come strumento di controllo politico e sociale. E la gente sarà più che felice di scambiare la libertà estrema di molti luoghi della rete con ambienti più strutturati e regolamentati.”

12) La gente continuerà – a volte a malincuore – a fare compromessi che favoriscano la convenienza e vantaggi immediati e la privacy sarà qualcosa di cui potrà godere solo chi potrà permetterselo. 

13 ) Gli esseri umani e le loro organizzazioni attuali non possono rispondere abbastanza velocemente alle sfide presentate da reti complesse. Randy Kluver, professore associato di comunicazione alla Texas A & M University nota che “L’aspetto più trascurato della faccenda è l’impatto nella geopolitica di Internet. Ci sono pochissimi esperti sul tema, e tuttavia l’ascesa dei media digitali promette perturbazione significativa alle relazioni tra gli Stati. Alcune delle dimensioni veramente importanti da considerare sono lo sviluppo di attori politici / movimenti transnazionali, l’aumento di stati virtuali, la valutazione degli impatti degli sforzi della diplomazia digitale , il ruolo dell’informazione nel minare il privilegio di stato (si pensi Wikileaks ) , e  lo sviluppo di cyber- conflitti. 

14 ) La maggior parte delle persone non sa ancora riconoscere i profondi cambiamenti delle reti di comunicazione di oggi, reti che  saranno ancora più dirompenti in futuro. Nishant Shah, del Centre for Culture Digitali presso Leuphana University, in Germania, ha osservato  che “sta per cambiare sistematicamente la nostra comprensione dell’essere umano, dell’ essere sociale e dell’essere politico. E’ un cambiamento strutturale nei sistemi cui siamo abituati. E questo significa che stiamo veramente vivendo un cambio di paradigma in cui le strutture esistenti perdono significato e valenza, e, di conseguenza, un nuovo ordine mondiale dovrà essere realizzatoal fine di accogliere questi nuovi modi di essere”

POSIZIONE NEUTRALE

15) Previsioni precise possono fare la differenza: Il miglior modo per predire il futuro è inventarlo.  Robert Cannon, esperto di diritto di Internet ed di politica, ha scritto che “Internet, l’automazione e la robotica interromperanno l’economia come la conosciamo. Come faremo a prenderci cura degli esseri umani che non possono più guadagnare soldi attraverso il lavoro? Le opportunità sono semplicemente enormi. Informazioni, capire che l’informazione e la capacità di agire su queste informazioni saranno disponibili ubiquitariamente … Potrebbe diventare un mondo nuovo, dove il governo (o potere aziendale) sa tutto di tutti ovunque e ogni mossa può essere prevista, e la società verrà gestita da élite che controllano la tecnologia … la buona notizia è che la tecnologia che promette di trasformare il nostro mondo è anche la tecnologia con la quale possiamo costruire il nostro nuovo mondo“.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This