Digital Trends

WhatsApp in Italia e’ molto piu utilizzato di Facebook Messenger

WhatsAppVSMessenger

Sull’ acquisizione di da parte di è già stato detto praticamente tutto. Ne abbiamo parlato anche su Techeconomy e una mia opinione a riguardo può essere trovata anche qui. Dati riguardanti l’Italia, invece, non ne sono ancora stati presentati, soprattutto per mancanza di fonti. Ma visto che in questa rubrica parlo di trend digitali e visto che ho a disposizione i dati di GlobalWebIndex, ho pensato fosse opportuno fornire un quadro chiaro della situazione per capire quale sia il valore dell’acquisizione nel mercato italiano.

Tra la motivazioni che stavano dietro la fondazione di WhatsApp c’era che la previsione che gli SMS sarebbero morti a breve. O così sosteneva Jan Koum, il suo fondatore quando era disperatamente in cerca di uno sviluppatore che lo aiutasse a far partire il suo progetto. Ma è andata davvero così? Messaggistica su Internet ed SMS si sono veramente cannibalizzate a vicenda?

Per capirlo ho messo a confronto i trend del 2013 per quanto riguarda l’utilizzo di WhatsApp, Facebook e degli SMS in Italia, da parte di coloro che utilizzano il loro smartphone per accedere ad Internet. E’ interessante valutare la penetrazione di Messanger soprattutto per valutare se ci sia effettivamente quella sovrapposizione di utenti per la quale in molti hanno ritenuto che l’acquisto di WhatsApp fosse stato sopravvalutato.

Messenger_WhatsApp_sms

Non sorprende notare come l’Italia sia un mercato piuttosto tradizionale. Anche tra i possessori di smartphone, infatti, la forma di comunicazione non verbale prediletta e’ ancora l’SMS (94%). E non sembra affatto aver perso terreno nonostante la crescita di altre forme di messaggistica. In pratica, l’avvento di nuove tecnologie ha fatto sì che ci siano più utenti che preferiscono scambiarsi messaggi piuttosto che parlare.

Ma la cosa più interessante da notare è non solo il maggiore utilizzo di WhatsApp (51% degli utenti Smartphone) rispetto a Messenger (29%), ma anche i tassi di crescita. Sin dall’inizio del 2013, WhatsApp è cresciuta del 59%, mentre Messenger solo del 38% (soffrendo tra l’altro dei fenomeni di stagionalità dell’utilizzo di Facebook).

Tra le altre ipotesi si diceva che con l’acquisto di WhatsApp, Facebook avesse comprato un intero segmento demografico, quello dei teenagers, che stava perdendo interesse in Facebook. I dati in effetti sembrano dimostrare questa teoria, ma è anche evidente come, in Italia, WhatsApp sia grandemente più utilizzato di Facebook Messenger da tutte le fasce di età, anche quelle meno giovani

Whatsapp_Messenger_Italia

A fronte di tutte queste considerazioni, benché in questo caso abbiamo preso in analisi solamente il caso italiano, siete quindi ancora sicuri che 19 miliardi di dollari siano troppi?

A mio modo di vedere le cose, la cifra spesa per WhatsApp viene giustificata a fronte di quanto detto sino ad ora e anche dell’enorme quantità di dati, soprattutto riguardo ai numeri di telefono, che l’app porta con sè. Dati che legano il mondo online al mondo offline e che ancora Facebook non possedeva.

Aggiungo una nota riguardo al caso Telegram di cui si parla molto nel momento in cui scrivo.

Per dovere di chiarezza, Telegram è un app del tutto simile a WhatsApp creata dal fondatore di Vkontakte, il social network che in Russia fa sembrare Facebook un MySpace qualunque, con lo scopo di comunicare senza essere spiati dagli agenti segreti russi. Fino a prima dell’acquisto di WhatsApp registrava poco più di 100.000 utenti attivi, mentre nel giorno del blackout di WhatsApp ha registrato 5 milioni di nuovi utenti. In Italia si parla di Telegram come del servizio che farà dimenticare WhatsApp e che, contrariamente a Facebook, non cannibalizzerà i vostri dati.

Passare a Telegram per questa ragione non la trovo una mossa particolarmente saggia. E’ vero che Facebook cercherà sicuramente di monetizzare i dati acquistati con WhatsApp, ma non crediate che Telegram non farà lo stesso. Magari non ora, ma sicuramente Telegram non fa beneficienza, e prima o poi dovranno monetizzare anche loro. E lo faranno vendendo l’app o iniziando a fare pubblicità, utilizzando quindi i vostri dati, e magari, proprio quando tutti i vostri amici avranno finalmente iniziato a utilizzarlo.

Fate attenzione quindi, non è tutto oro quello che luccica, e un prezzo, a questo mondo, bisogna sempre pagarlo.

 

Marcello Mari

Marcello Mari

Vive a Londra dove ha fatto della tecnologia e dell’ICT un interesse prima che un lavoro. Laureato in Scienze Politiche, appassionato di Relazioni Internazionali e di Politica, ha vissuto per due anni negli Stati Uniti, uno in Indiana e uno in Illinois. Per TechEconomy è stato osservatore di usi e costumi della rete in terra londinese, ed oggi si occupa di analizzare trend digitali dati alla mano.

Twitter LinkedIn Google+ 

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. Pingback: Facebook Messenger ora ha 500 milioni di utenti attivi al mese | Tech Economy

  2. Pingback: Tutti i numeri di WhatsApp. In Italia e nel mondo

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This