Digitaliani

Smart city: mercato da più di 1,5 mila miliardi di dollari entro il 2020

smart city

Le saranno gli ambienti per eccellenza in cui l’Internet of Everything potrà trovare la sua piena realizzazione. Per un insieme di fattori convergenti sono, infatti, gli ambienti urbani a rappresentare il luogo ideale per ospitare la rivoluzione globale dell’: cittadini, imprese e istituzioni qui vivono la loro quotidianità, una quotidianità che sarà sempre più interconnessa grazie alle tecnologie digitali.

smart_city_greenA ribadirlo è una recente ricerca “Strategic opportunity analysis of the global Smart City market” di Frost & Sullivan presentata a Mosca secondo cui le città intelligenti per creeranno enormi opportunità di business per diversi settori per un valore complessivo di mercato di 1.565 mila miliardi dollari entro il 2020. Un concetto, la Smart City, in cui convergono molti elementi e molti attori di cui le reti sono il sostrato abilitante, in cui si realizzerà il futuro delle comunità interconnesse.

Secondo Frost & Sullivan la parola “Smart” come valore sta progressivamente sostituendo la parola “green”. La città intelligente, infatti, è sempre più vista come un concetto complesso composto da diversi parametri fondamentali: economia smart, edifici intelligenti, mobilità smart, smart energy, smart , pianificazione intelligente, cittadinanza smart e smart governance.

E le città del futuro, sempre più ampie nei confini e affollate nella popolazione, potranno funzionare solo attraverso l’adozione di logiche gestionali e di processo che richiamano da vicino l’internet delle cose.

Il tema dell’energia intelligente, per esempio, è una tendenza futura che assicurerà efficienza, consumo intelligente e la gestione di una comunità urbana grazie a reti intelligenti e sistemi smart di distribuzione della stessa. La tecnologia è un altro parametro fondamentale per lo sviluppo delle città intelligenti: tecnologie come contatori smart, reti di sensori wireless, piattaforme aperte, banda larga ad alta velocità e cloud computing sono elementi chiave delle infrastrutture . Per non parlare della mobilità e del traffico, di solito i maggiori problemi nelle città moderne di oggi. I progetti di mobilità smart, tra cui sistemi di trasporto intelligenti come quelli legati al controllo del traffico, ai segnali di eco-navigazione, la guida ai parcheggi e sistemi di informazione, miglioreranno enormemente il problema viabilità e renderanno l’esperienza di guida anche più eco-friendly perchè basati su sistemi di razionalizzazione efficiente delle risorse.

Insomma, sistemi di gestione della mobilità e del traffico, migliore approvvigionamento e distribuzione delle risorse… in una parola Internet of Everything.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: #SCE2014, Gianni Dominici: Smart City? Deve rispondere ai bisogni di chi la abita! | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This