Market & Business

#MWC14: WhatsApp annuncia servizi voce. E’ sfida a Skype e Viber

WhatsApp_Koum

Dopo l’acquisto da parte di Facebook per 19 miliardi di dollari, arriva un’altra notizia esplosiva da : il popolare servizio di messaggi istantanei offrirà ai suoi utenti anche servizi voce, ovvero sfiderà un colosso come e altri servizi tipo Viber per le telefonate via internet. Lo ha annunciato il ceo Jan Koum dal palco del Mobile World Congress inaugurato oggi a Barcellona. La possibilità di chiamare gratuitamente, sfruttando la rete internet, sarà disponibile a partire dal secondo trimestre di quest’anno.

La novità rappresenta un’offensiva ancora più agguerrita a simili servizi di comunicazione e anche una boccata d’ossigeno dopo il pesante disservizio che la chat ha avuto nel week-end, durante il quale la app è risultata non funzionante per diverse ore. La concorrenza non è solo a Skype di Microsoft ma anche a BlackBerry Messenger (che da oggi è disponibile pure per gli utenti Windows Phone) e Viber, appena comprata dal colosso giapponese dell’e-commerce Rakuten per 900 milioni di dollari.

WhatsApp, ha sottolineato Koum, non cambierà: “Per continuare ad avere successo dovrà davvero restare indipendente“. Gli utenti attivi mensili di WhatsApp, ha aggiunto Koum, al momento sono 465 milioni, circa 330 milioni gli utenti giornalieri. E 15 milioni sono gli utenti che si sono aggiunti nell’ultima settimana. Segno che non si sono fatti condizionare dai timori per l’acquisizione di . La compagnia oggi compie cinque anni di attività: è stata fondata il 24 febbraio 2009.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This