eGov

Sicurezza online: pubblicato il Piano nazionale per la protezione cibernetica

cybercriminali

Dopo essere stato approvato dal Comitato interministeriale per la della Repubblica (CISR) lo scorso dicembre e adottato dal Presidente del Consiglio dei ministri, è stato pubblicato il Piano nazionale per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica, promosso dalla presidenza del Consiglio dei ministri. Lo indica un comunicato del Dis pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale. Oltre al Piano, è stato adottato anche il Quadro strategico nazionale per la sicurezza dello spazio cibernetico. L’ si dota così di una strategia organica per “prevenire le future minacce atte a minare lo sviluppo economico, sociale, scientifico e industriale, nonchè la stabilità politico-militare del nostro Paese”. 

Una strategia che mira dunque a potenziare le capacità di difesa delle infrastrutture critiche nazionali, incentivare la cooperazione tra istituzioni ed imprese nazionali, promuovere la cultura della sicurezza cibernetica, rafforzare la cooperazione internazionale in questa materia. “Il crimine informatico – si sottolinea – è una piaga che può decretare il fallimento delle aziende, la sottrazione del loro patrimonio tecnologico e che depaupera la ricchezza delle nazioni. Con sempre maggiore preoccupazione assistiamo inoltre al crescere di una minaccia ancora più insidiosa, che sfrutta la vulnerabilità dei sistemi informatici per sottrarre il frutto del nostro lavoro di ricerca e sviluppo nel campo delle nuove tecnologie e dei prodotti. Per un Paese come l’Italia, che fa dell’innovazione la pietra angolare della sua crescita e della sua competitività, il danno potenziale è incalcolabile“.

Al vertice dell’architettura creata per fronteggiare la cyber-minaccia c’è il presidente del Consiglio, che adotta il Piano ed il Quadro Strategico, supportato dal Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica (Cisr). In aiuto del vertice politico opera l’intelligence che valuta la minaccia. La prevenzione di crisi e l’attivazione delle procedure di allertamento, risposta e ripristino spetta al Nucleo per la sicurezza cibernetica (Ncs) istituito nell’ambito dell’Ufficio del Consigliere militare del presidente del Consiglio. Se l’evento è di dimensioni tali da incidere sulla sicurezza nazionale o non può essere fronteggiato dalle amministrazioni competenti, il Nucleo dichiara la situazione di crisi cibernetica ed attiva il Nucleo interministeriale situazione e pianificazione (Nisp).

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Internet of Things e cybercrime: quali gli aspetti legali per le imprese? | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This