Digitaliani

M2M e IoT: le previsioni di Deutsche Telekom per il 2014

M2M

La comunicazione Machine to Machine () è una ampia “etichetta” che può essere usata per descrivere qualsiasi tecnologia che permetta ai dispositivi in rete di scambiare informazioni ed eseguire operazioni senza l’ intervento manuale degli esseri umani. Tali comunicazioni vengono spesso utilizzate per il monitoraggio remoto. Ad esempio, un distributore automatico di bevande che sfrutta trasmissioni , potrà avvisare automaticamente il gestore su quali prodotti sono in esaurimento.
Le comunicazione M2M sono aspetti importanti, dunque, di uno svariato insieme di attività: gestione dei magazzini, controllo remoto ma anche robotica, controllo del traffico, servizi logistici, gestione della supply chain, fino ad arrivare alla telemedicina. In altre parole le comunicazioni machine to machine sono l’Internet of Things,  quel fenomeno che mette in relazione, in connessione, le “cose” che ci circondano, grazie alle reti.

deutsche-telekomIl 2014 è l’anno riconosciuto da più parti come quello della svolta,  che permetterà il passaggio dalla teoria alla pratica, dalle cose che potrebbero “dialogare” alle cose che dialogano tra loro, insieme alle persone, ai dati e ai processi. Un mondo interconnesso, l’Internet of Everything, che durante l’anno, secondo le previsioni di  ,  vedrà le seguenti linee di sviluppo.

1) Industrie intelligenti per favorire la produzione: le applicazioni industriali sono i campi di applicazione per eccellenza dei sistemi di comunicazione Machine to machine. Grazie all’avanzare delle logiche dell’Internet of Everything, l’obiettivo individuato da Deutsche Telekom per il futuro è la realizzazione delle Industrie intelligenti, in cui troveranno spazio tutti i nuovi, e più attuali, modelli di produzione. Tali industrie attingeranno alle singole esigenze del cliente in considerazione sia modelli di business che dei processi di in modo dinamico, così da adattarsi rapidamente alle mutevoli esigenze dei mercati e gestire le risorse in modo più efficiente che mai.

2) M2M nel settore automobilistico: l’industria automobilistica continua ad essere una delle aree di crescita più promettenti per l’. Non solo connettività di rete a bordo ma anche applicazioni di manutenzione predittiva, servizi di intrattenimento e monitoraggio remoto saranno il futuro del comparto automotive. Deutsche Telekom  nota che, dal momento che i costruttori di automobili avranno bisogno di alcuni anni per implementare tali tecnologie in serie, vi è una grande opportunità per l’aftermarket automobilistico, ovvero per chi produce, distribuisce e installa soluzioni tecnologiche innovative e di connessione per le auto. Nel 2014 saranno disponibili per i rivenditori più dispositivi M2M con molte nuove opportunità di business, per l’offerta di servizi a valore aggiunto per i clienti indipendenti dalle case automobilistiche.

3) Big Data Analytics: nel 2014, secondo Deutsche Telekom, si entrerà nel vivo della Big Data Analytics. La crescita dei sistemi di comunicazione M2M permette di  analizzare enormi quantità di dati generati dalle turbine eoliche, ad esempio, per prevedere i potenziali guasti e verificare che tutto funzioni il più efficientemente possibile. Ma questo è solo l’inizio. La prossima frontiera della Big Data Analytics colmerà le lacune esistenti per generare nuovi servizi, combinando i dati sulle macchine con le informazioni che arrivano da Internet, come ad esempio le previsioni del tempo o messaggi da social media e piattaforme di collaborazione.

4) Il M2M avrà nuovi obiettivi nei mercati di consumo: oggi la maggior parte delle aziende impegnate nel M2M sono guidate da transazioni Business to Business ma negli anni a venire si assisterà alla crescita progressiva dell’ applicato al mercato consumer. L’anno appena iniziato vedrà il boom di dispositivi di localizzazione personale e tecnologie indossabili come occhiali ed orologi intelligenti nonché dispositivi legati alla salute e al fitness che monitorano i segni vitali come la respirazione e la temperatura corporea o la frequenza cardiaca.

5) Città Smart guidano il M2M nel settore pubblico: il M2M prevede l’uso di tecnologie abilitanti per le Smart City come la gestione dei parcheggi e controllo remoto dell’illuminazione pubblica e così via. Popolazioni in aumento e bilanci in calo nelle amministrazioni porteranno le città a distribuire soluzioni ICT collegate. Queste soluzioni, secondo Deutsche Telekom, potrebbero aumentare il livello di complessità di taluni compiti amministrativi tale da necessitare la costruzione di strutture sostenibili e competitive e, infine, migliorare il livello dei servizi per i cittadini. Nel 2014, secondo Deutsche Telekom, i primi veri progetti-guida che renderanno le città più intelligenti ci daranno un assaggio di quello che verrà nei prossimi decenni.

6) Le alleanze globali si espanderanno: dal momento che il M2M è un business globale e anche le PMI stanno andando verso operazioni sempre più globali, le alleanze saranno più importanti che mai. E saranno la chiave per la fornitura di servizi M2M in tutti i paesi per migliorare la qualità del servizio e la definizione di standard di comunicazione condivisi. Nel novembre 2013 l’ Associazione Globale M2M si espanderà in Asia e Nord America e nel 2014, gli sforzi di cooperazione e iniziative comuni saranno ulteriormente ampliati e consolidati.

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. Pingback: Ovum: i ricavi M2M arriveranno a 44.8 miliardi di dollari nel 2018 | Tech Economy

  2. Pingback: T-Mobile Usa: Iliad rinuncia all’acquisto | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This