Market & Business

MM One: Italia terzultima in Europa per utilizzo dell’e-commerce

ecommerce italia

L’ in ha raggiunto in questi anni risultati ragguardevoli, anche grazie al traino del mobile, ma la complessiva crescita del settore è ancora distante dai livelli dei nostri partner europei. Nella classifica stilata dal Centro Studi di MMOne Group sull’utilizzo dell’e-commerce, il Bel Paese si colloca al 25° posto su 28 Paesi, prima di Grecia, Bulgaria e Romania. Il ritardo riguarda sia i , che ignorano e in qualche caso temono ancora questo metodo di acquisto, sia le , la cui quota di fatturato legato all’e-commerce è ancora molto modesto. La ricerca ha preso in considerazione 12 indicatori Eurostat che fotografano i comportamenti di aziende e cittadini in Italia e all’Estero, sia per quanto riguarda l’attitudine all’acquisto e alla vendita di prodotti, che all’utilizzo di servizi come l’internet banking e il booking online.

Quello che emerge è una netta spaccatura fra Nord e Sud Europa. Ai primi posti della classifica si posizionano paesi quali la Danimarca, Svezia e Gran Bretagna che si distinguono per il maggior utilizzo del commercio elettronico mentre l’Italia totalizza 14,2 punti, a fronte dei 30,6 della Spagna, dei 52,6 della Francia e dei 67,8 della Germania. Certamente performance non sufficiente per un Paese che vuole competere sul mercato internazionale per superare la difficoltà economica in atto.

Entrando nel dettaglio del ritardo italiano, la quota di fatturato delle imprese derivante dalle vendite in rete è appena del 6%, mentre in Europa la media si attesta al 15%. Nonostante un volume di traffico che nel 2012 si è avvicinato ai 20 miliardi di euro e alle quasi 2.000 nuove aziende di e-commerce nate nel 2013, solo il 6% del totale delle imprese italiane vende online (la media UE è del 16%). Inoltre, appena l’11% delle attività commerciali del nostro Paese ha una piattaforma di vendita integrata nel proprio sito web (la media europea è del 15%), ma solo il 5% riceve ordini via internet (con una media UE pari al 13%). L’unico dato che ci vede leggermente al di sopra della media europea è quello relativo alle imprese italiane che fanno acquisti online: si tratta del 35%, contro una media europea del 34%.

Molto deludente risulta essere l’utilizzo dell’e-commerce in Italia da parte dei cittadini: solo il 17% degli italiani ha fatto almeno un acquisto sul web, contro il 74% degli svedesi (la media europea si attesta al 44%) . L’acquisto di viaggi online è all’8% (UE 24%, Germania e Francia oltre il 30%, UK quasi 50%), mentre solo il 21% degli italiani utilizza l’e-banking per le operazioni di conto corrente, a fronte di un 82% della Finlandia e di una media europea del 40%.

Come agenzia che offre soluzioni e-business alle aziende” afferma Mauro Cunial Presidente di MMONE Group” crediamo molto nell’importanza dell’e-commerce. Proprio in tempi di crisi, la vendita online rappresenta un’occasione per rilanciare interi settori di mercato, soprattutto all’estero, dove le transazioni commerciali avvengono con maggior frequenza sulla rete: per i consumatori stranieri si delinea un’offerta diversificata con la possibilità di scegliere anche i prodotti italiani; per le imprese italiane un’opportunità di crescita, che consente loro di presentarsi sul mercato internazionale senza intermediazione. Per questi motivi sono auspicabili politiche di sviluppo economico che affrontino gli annosi nodi digitali italiani, promuovendo un cambiamento nelle abitudini e nelle modalità d’acquisto e che incentivi l’utilizzo dello strumento informatico a tutti i livelli. Senza dimenticare i necessari investimenti per portare ad un livello avanzato le performance dell’infrastruttura digitale in termini di affidabilità e velocità di connessione”.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Sergio CE

    21/01/2014 alle 23:17

    C’è bisogno di più tempo ma sono convinto che anche l’Italia sarà in grado di sfruttare il trend decisamente positivo che l’e-commerce sta avendo!

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This