Digitaliani

Cisco: l’IoE vale 4,6 mila miliardi di dollari per il settore pubblico

internet-of-everything

Nel corso dei prossimi dieci anni, l’Internet of Everything () potrebbe generare un valore potenziale di 4,6 mila miliardi di dollari per le organizzazioni del settore pubblico. A rivelarlo è una nuova ricerca , Internet of Everything: A $4,6 Trillion Public-Sector Opportunity, che quantifica la quota parte di valore che la connessione di persone, cose, dati e processi, assumerà nel settore della PA. Pochi giorni fa è stato proprio il Ceo della compagnia John Chambers, a dichiarare che, nel complesso, sarà  di 19 mila miliardi il valore potenziale, tra risparmi e investimenti, del mercato privato e pubblico dell’IoE.

Esso aiuterà  il settore pubblico a creare valore, risparmiando, migliorando la produttività dei dipendenti pubblici, generando nuove entrate (senza aumentare le tasse) e creando al contempo benefici per i cittadini. Come già accade, spiega Cisco, a Barcellona, una delle prime città a sviluppare il Virtual Citizen Services in Europa. La città spagnola utilizza le tecnologie video e di collaborazione per permettere ai cittadini di interagire virtualmente con il Comune senza doversi recare pressi gli uffici locali. Tra le prime Smart+Connected Communities a livello mondiale, Barcellona ha adottato soluzioni IoE nella gestione delle acque, parcheggi intelligenti, smaltimento dei rifiuti, autobus connessi in rete, tutte soluzioni che stanno aiutando la città a risparmiare denaro e migliorare la qualità del servizio fornito ai cittadini.

Nel complesso le città potranno beneficiare dei vantaggi dell’IoE nel settore edilizio:  gli edifici intelligenti potranno generare 100 miliardi di dollari, abbassando i costi operativi, riducendo il consumo energetico tramite l’integrazione di sistemi HVAC (riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria) e di altro tipo. Ma anche nel settore energetico: il monitoraggio del gas, ad esempio, potrebbe generare 69 miliardi di dollari, riducendo i costi di lettura dei contatori e migliorando la precisione delle letture a vantaggio dei cittadini e delle municipalizzate. Passando alla viabilità: i parcheggi intelligenti potrebbero creare 41 miliardi di dollari, fornendo visibilità in tempo reale della disponibilità di parcheggi in tutta la città, oppure, con il pedaggio stradale, si potrebbero generare 18 miliardi di dollari in nuove entrate, attuando pagamenti automatici nel momento in cui i veicoli entrano in zone trafficate della città, migliorando la situazione del traffico e i proventi. E, infine, nei servizi: la gestione dell’acqua, ad esempio, potrebbe generare 39 miliardi di dollari, connettendo semplicemente il contatore dell’acqua domestico su una rete IP per fornire informazioni a distanza sull’utilizzo e lo stato.

Con la maggior parte della popolazione mondiale che si sposta quotidianamente verso i centri urbani, le città devono diventare più flessibili e reattive alle esigenze dei cittadini, sfruttando al massimo le risorse pubbliche”, ha commentato Wim Elfrink, EVP dell’industry solutions and chief globalisation officer di Cisco. “L’Internet of Everything sta trasformando il modo in cui le città distribuiscono i servizi e la modalità di interazione dei cittadini con il settore pubblico”.

Ma non sono solo i centri urbani a poter beneficiare dell’IoE. A livello strategico,  quasi tutti i settori pubblici possono essere interessati dal fenomeno:

  1. Le agenzie statali possono ottenere un potenziale valore pari a 682 miliardi di dollari, applicando soluzioni IoE ai processi quali la manutenzione dei ponti, la gestione delle malattie croniche, l’apprendimento in rete e la soppressione degli incendi. Le agenzie federali potrebbero ottenere 472 miliardi di dollari grazie all’utilizzo di soluzioni IoE per migliorare, ad esempio, i tempi di intervento durante le calamità e rafforzando la sicurezza informatica.
  2. Le forze preposte alla difesa possono migliorare l’efficienza delle missioni militari tramite la connessione e condivisione sicura delle informazioni tra i soldati, le basi militari, i veicoli e le attività sui territori militari. Migliori connessioni tra le forze di difesa potrebbero generare globalmente 1,5 mila miliardi di dollari di potenziale valore e migliore sicurezza dei soldati.
  3. Con oltre 350 milioni di impiegati pubblici nel mondo, le applicazioni IoE che migliorano la produttività dei dipendenti statali, locali e delle agenzie federali, possono generare un significativo valore. Ad esempio, il maggior utilizzo di soluzioni di telelavoro potrebbe creare un valore stimato in 125 miliardi di dollari, riducendo ad esempio le spese per gli immobili e la stampa. Queste stesse soluzioni migliorano la produttività e forniscono ulteriori opportunità per i dipendenti.

E’ la politica, dunque, a dover raccogliere la sfida dell’IoE: “I leader del settore pubblico sono sotto pressione per colmare il gap tra le crescenti aspettative dei cittadini e un numero sempre minore di risorse”, ha commentato Martin McPhee, SVP dei Consulting Services di Cisco. “Le soluzioni IoE hanno le potenzialità per cambiare qualsiasi cosa. I leader del settore pubblico devono agire immediatamente per identificare le principali opportunità dell’IoE e iniziare ad adeguarsi ad un mondo IoE”. 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Internet of Everything: Florio “nelle Smart city serve visione di sistema” | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This