Visions

WSD – Gratitudine

gratitudine

gratitùdine s. f. [dal lat. tardo gratitudo -dĭnis, der. di gratus «grato, riconoscente»]. – Sentimento e disposizione d’animo che comporta affetto verso chi ci ha fatto del bene, ricordo del beneficio ricevuto e desiderio di poterlo ricambiare (è sinon. di riconoscenza, ma può indicare un sentimento più intimo e cordiale)
Da Vocabolario Treccani

Siamo pieni di regali, in queste ore.
C’è poco da fare, c’è poco da scomodare il “Saggio sul dono” del povero Marcel Mauss. Uno che ci si è dannato, su questa storia del dare/ricevere.
Lasciamolo lì, Mauss. Lasciamoli lì, i regali dei parenti.

Arriverà il 27 dicembre e tornerà la normalità.

E nella normalità tornerà il confronto con un tema, la , che ci sembra oggi così lontano. Tanto lontano che lo abbiamo delegato alla religione. Mentre, a dirla tutta, la è la sorgente più rigogliosa dalla quale attingere quotidianamente energie e metterne in moto altrettante o di più.

gratitudine

La Gratitudine può muovere il mondo. E può muovere il nostro mondo professionale, incidendo radicalmente -ché la Gratitudine è uno stato radicale- sulle dinamiche e sui processi.

Fermarsi a riconoscere la Gratitudine è un atto tanto eversivo quanto necessario, è come trovare l’innesco della miccia. La nostra miccia personale, quella che si nutre di Valore attribuito a cose che non abbiamo comprato, che non abbiamo guadagnato, che non abbiamo scambiato, che non abbiamo ottenuto grazie al nostro lavoro.

Si chiama ed è un Dono, di quelli che il buon Marcel Mauss vedeva così puri e intatti, nel tribalismo portato a immagine dell’Uomo per come “effettivamente è, in Natura”, contrapposto al suo mondo che correva, sotto le macchine dell’industrializzazione.

Il Dono, che non è un pacchetto della zia, arriva sempre nelle nostre vite. Sono le nostre vite che non sono pronte a riconoscerlo perché hanno appaltato la sua diretta conseguenza, la Gratitudine, al consorzio di non-quotidiano/eccezionale che ha a che vedere con la Fede.

Invece è così concreto, il Valore di un Dono. È solo che, statisticamente, si manifesta meno della merce acquistata, guadagnata, scambiata, ricompensata. Ma c’è.
Anche nella vita aziendale. C’è.
Come c’è la Gratitudine in noi.
Fermarsi. Guardare. Ascoltare. Fatto.

Ma forse, 14 minuti di monachesimo aiutano.




[ted id=1880 lang=it]

Francesca Quaratino

Francesca Quaratino

Francesca Quaratino è amministratore e socia di Manafactory srl, società che si occupa di strategie, contenuti e formazione per la comunicazione in Rete.

Nata nel 1974, dopo la laurea in etnologia ha iniziato a lavorare come community manager in una delle prime web agency italiane. Dice: “Volevo fare l’antropologa ma i popoli da studiare erano finiti e avevo a disposizione il mio modem 56K e il Web, che di tribù era pieno”.

Twitter 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This