Device

Idc: Android conquista l’81% del mercato

Android conquista l'81% del mercato
Il degli nel terzo trimestre del 2013 è stato dominato dai device con sistema operativo . A confermarlo sono i nuovi dati di mercato IDC che rilevano che il totale degli smartphone distribuiti nel terzo trimestre del 2013 abbiano raggiunto le 211,6 milioni di unità. Il periodo preso in esame ha fatto registrare un traguardo storico al sistema operativo di Google che era presente nell’81% dei dispositivi spediti. Una leadership assoluta dato che l’iOS della Apple ha raggiunto il 12,9%, Windows Phone il 3,6% e BlackBerry l’1,7%.  ha compiuto un incredibile salto in avanti rispetto alle 139,9 milioni di unità spedite nel medesimo trimestre dello scorso anno. L’analisi mette in luce che il merito va soprattutto a Samsung, a cui si devono il 39,9% di tutti i terminali del robottino spediti.
Complessivamente, secondo l’analisi, sono stati venduti oltre 261 milioni di dispositivi e nello specifico sono stati 211,6 milioni i dispositivi venduti equipaggiati con a Android; 33,8 milioni le unità con iOS; 9,5 milioni gli smartphone con Windows Phone. Chiudono BlackBerry, con  4,5 milioni di device venduti, e tutti gli altri produttori con 1,7 milioni di telefoni venduti.
Le vendite dei device Android sono cresciute del 51,3 %  raggiungendo l’81 per cento del totale, contro il 74,9 % dello stesso periodo di un anno prima, mentre l’iPhone ha raggiunto un market share dl 12,9% in calo rispetto al 14,4% ottenuto nel Q3 2012. Lo smartphone marcato Windows Phone ha raggiunto il gradino più basso del podio molto distante dal primo con il 3,6% del mercato. Chiude BlackBerry, con l’1,7% di share e e tutti gli altri produttori che insieme posseggono lo 0,6% del mercato.
Il sistema operativo iOS nonostante abbia registrato vendite record con il lancio di iPhone 5S e iPhone 5C ha visto diminuire la propria quota di mercato. Alcuni analisti imputano che sia dovuto alla debole domanda che la Apple ha registrato prima dell’introduzione nei negozi dei più recenti device.
Il terzo trimestre registra anche un nuovo successo per il Windows Phone, infatti l’analisi mostra che è cresciuto di un incredibile 156% su base annua. I volumi di vendita non sono paragonabili a quelli del sistema Android ma gli sforzi compiuti di Microsoft e il grande supporto che Nokia sta offrendo con i propri Lumia hanno contribuito a far crescere notevolmente la piattaforma.
Sottolinea Ramon Llamas di IDC “Android e Windows Phone continuano a compiere passi significativi nel terzo trimestre. Nonostante le loro differenze nel market share, entrambe hanno un importante fattore dietro il loro successo: il prezzo”. Ed aggiunge “entrambe le piattaforme hanno una selezione di device disponibili a prezzi abbastanza bassi da essere accessibili al mercato di massa, ed è proprio il mercato di massa a guidare oggi l’intero mercato in avanti”.
Blackberry continua la sua fase calante accusando una caduta del 41,6 % assotigliando sempre di più la sua quota di mercato. Ora bisognerà attendere per vedere se il produttore canadese riuscirà a risalire col il cambio dei vertici della società e la nuova ricapitalizzazione.
L’analisi riporta che i prezzi medi degli smartphone stanno calando ed il prezzo medio dei device venduti si è attestato a 317 dollari, con un meno 12,5 % su base annua. Il mercato ha anche registrato un forte afflusso di dispositivi a schermo grande, da 5-7 pollici, i “phablet”.

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This