Digitaliani

Intel scommette sull’Internet delle Cose

The-Internet-of-Things-Infographic

 e altre società tecnologiche stanno scommettendo che, quello che chiamano l’’’ – ovvero  la tendenza del “collega tutto con tutto”, dalla bilancia di casa al sistema di aria condizionata dei grattacieli tramite Internet – creerà una massiccia domanda di nuovi prodotti elettronici e nuovi software.

Sotto questo punto di vista Intel si sta impegnando per non essere colta alla sprovvista da tendenze tecnologiche future. Per questo motivo Doug Davis, direttore generale del gruppo, ha affidato il nuovo progetto dell’azienda direttamente allo Chief Executive Brian Krzanich. In un’intervista rilasciata a Reuters martedì scorso, lo stesso Davis ha dichiarato: “Krzanich vuole un più alto livello di attenzione per questo nuovo progetto, così da aiutarci a farlo crescere e dargli l’importanza che merita”. In passato, il più grande produttore mondiale di chip ha palesato un’oggettiva difficoltà ad adeguare i propri prodotti alle caratteristiche di smartphone e tablet.

Perciò, nel maggio scorso, l’azienda veterana del settore ha cambiato l’amministratore delegato (CEO). L’obiettivo? Sviluppare il suo futuro fiore all’occhiello: il chip mobile, massima priorità per Intel. Nel mese di settembre, Krzanich ha annunciato che la compagnia con sede a Santa Clara sta lavorando ad una nuova linea di microchip per dispositivi indossabili come smartwatches e bracciali, parallelamente ad una versione ingeribile per usi biomedici. La scalata di Intel riparte proprio da qui, dall’’Internet of Things’.

Daniele Rocca

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This