App

App4MI: ecco i vincitori del contest sugli open data di Milano

Logo_App4Mi

In Italia sono sempre più frequenti bandi e concorsi rivolti ai giovani per il finanziamento di attività e idee imprenditoriali che in prospettiva e con l’aiuto delle istituzioni possono rappresentare un punto di svolta per il nostro paese. Molti di questi bandi si pongono come obiettivo non solo la formazione di giovani attraverso la condivisione di spazi, risorse ed accesso a reti di conoscenze e ad ambienti di lavoro, ma anche il finanziamento di applicazioni e idee volte a allo sviluppo e all’ di tecnologie utili alla società.

4MiUltima iniziativa in ordine di tempo è rappresentata dal progetto formativo App4MI promosso dal Comune di Milano e RCS MediaGroup in collaborazione con l’incubatore Digital Magics che ha messo a disposizione di giovani, studenti, laureandi e micro imprese gli dell’Amministrazione comunale al fine di sviluppare applicazioni utili e innovative per pc, smartphone e tablet. Il progetto, che ha visto il coinvolgimento  di più di 1.000 iscritti ai corsi gratuiti ed in streaming di 4Mi Open Campus, ha previsto anche l’organizzazione di un contest per le migliori applicazioni volte allo sviluppo del turismo, cultura, ambiente e mobilità.

La prima classificata è stata l’app Quolimi, pensata e realizzata da Luca Campanini, Andrea Clerici, Gianfranco Netti e Claudio Rava che vincono complessivamente 6.000 euro. L’applicazione fornisce una valutazione sintetica della vivibilità di un indirizzo di Milano aggregando molti dataset di natura diversa con una grafica semplice e chiara; la seconda classificata è stata Mirami che permette di scoprire i punti di attrazione più vicini e suggerisce i luoghi di interesse. È stata ideata da Nazzareno Cantalamessa che vince 4.000 euro; terza classificata, con un premio di 2.000 euro, è stata Milano.Life già premiata nella categoria Turismo e tempo libero.

Sono state premiate altre 6 applicazioni ricevendo un finanziamento di 1000 euro, mentre la più votata del web, BiciMI4Social, dedicata alla gestione della mobilità in bicicletta attraverso il bike sharing, ha ricevuto 2000 euro.

Di sicuro un buon risultato per il progetto che, come afferma anche l’Assessore allo Sviluppo Economico, Università e Ricerca, Cristina Tajani “nasce con la volontà di valorizzare il patrimonio informativo del Comune, messo a disposizione di cittadini e imprese attraverso il portale Open Data, migliorando i servizi e la vita a Milano in un’ottica sempre più smart e sostenibile”, aggiungendo che “la partecipazione e l’interesse di questa prima edizione ci sollecitano ad andare avanti, migliorando e arricchendo i dati pubblicati e progettando nuove iniziative”.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This