News

Scorporo rete: Bernabè auspica celere intervento di Cdp e Agcom

Bernabe

L’imposizione ex-lege dello della rete Telecom o la sua nazionalizzazione “non sono pienamente compatibili con la legislazione europea e nazionale”, mentre il varo di regolamenti della golden share o nuove norme per l’Opa “richiedono una attenta considerazione”. Lo scrive il presidente  di , , parlando, in una lettera alle commissioni Industria e Lavori pubblici del Senato, delle soluzioni sul tavolo dopo il cambio dell’assetto azionario di Telco. Bernabè scrive alle commissioni, davanti alle quali era cominciata lo scorso 25 settembre l’audizione sul nuovo assetto azionario di Telco, sottolineando che le vicende di questi giorni, decisive non solo per gli assetti proprietari, ma anche per la definizione del nuovo piano industriale per il rilancio del Gruppo”, gli “impediscono di proseguire l’audizione, come inizialmente concordato”. Il presidente, che nel frattempo avrebbe deciso di dimettersi, ha deciso di “affidare la conclusione” del suo “intervento a queste brevi note”.

Nelle quattro pagine, Bernabè sintetizza i concetti già espressi nella prima parte dell’audizione, spiegando che malgrado l’allarme si sia concentrato sul fatto che la rete di accesso passi in mani non italiane, “il vero obiettivo strategico per il nostro Paese è la garanzia degli investimenti necessari per la modernizzazione dell’infrastruttura e del servizi di comunicazione elettronica“, che gravano, osserva Bernabè, essenzialmente su Telecom Italia. Per questo il gruppo ha presentato il progetto di scorporo della rete, che però “non ha ricevuto, per lungo tempo, il sostegno politico che sarebbe stato necessario e che, si sta concretizzando solo in questi giorni”. In particolare, spiega il presidente, con Cdp “non si è ancora trovato un terreno comune che consenta di sciogliere la riserva in merito alle modalità di ingresso e alla valorizzazione degli attivi che verranno a costituire il patrimonio industriale della futura società della rete”, mentre “sul versante regolamentare, Agcom non ha finora chiarito l’iter procedurale nell’ambito del quale incardinare la valutazione regolamentare dell’iniziativa di scorporo, né dato alcuna indicazione circa il trattamento degli obblighi in capo a Telecom Italia, a seguito dell’implementazione della cosiddetta Equivalence of input“.

Per questo Bernabè pensa che la soluzione risieda “in un celere intervento di Cdp e Agcom”, che, aggiunge, non sarebbe “un intervento in funzione di sostegno o aiuto, bensì di una scelta lungimirante per lo sviluppo di un asset strategico per il Paese. Accelerare i tempi dell’operazione di scorporo della rete e ingresso di Cdp nel capitale consentirebbe, inoltre, a Telecom Italia di considerare in una prospettiva più favorevole. in termini di f1essibilità temporale, la necessità di un aumento di capitale originata dalla necessità di garantire una struttura patrimoniale idonea a sostenere un prolungato sforzo di investimenti“. Insomma, “le questioni di reale interesse strategico per il Paese e per Telecom Italia sono il mantenimento della sua storica capacità di investimento e leadership nell’innovazione. Non si può, certo, anteporre a questi obiettivi il tema dell’italianità dell’assetto proprietario di Telecom Italia”. Bernabè ribadisce poi la necessità di tutelare i piccoli azionisti e di non ridimensionare il gruppo “sia in termini di presenza internazionale sia di potenzialità di crescita e di investimento in Italia”. 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This