App

Android e il sistema operativo “frammentato”

Android

Dopo aver annunciato la prossima versione di KitKat, e riferito al mondo che sono stati attivati un miliardo di dispositivi Android, ha mostrato anche ciò che di solito rimane tra le mura della società: la frammentazione tra le varie versioni del sistema operativo mobile.

Quasi la metà dei dispositivi Android attivati è gestita dalla versione più recente, Jelly Bean, arrivando al 43,1% e superando di molto il dato del mese scorso che si attestava intorno al 37,9%. Per quanto riguarda il resto il 30,7% dei dispositivi mobile è gestito da Gingerbread, in calo dal 34,1% del mese scorso, mentre il più vecchio Ice Cream Sandwich si attesta ora al 21,7%.

chart

C’è ancora molta più frammentazione nell’universo Android rispetto a quello iOS , dove Apple non ha mai rilasciato più di una manciata di modelli e dove gli utenti in genere aggiornare i loro telefoni molto rapidamente. Ma gli ultimi numeri pubblicati, però, mostrano per Google un miglioramento significativo. E questo è un bene soprattutto per gli sviluppatori che devono creare applicazioni che funzionino sulla più ampia gamma di dispositivi possibili .

Un cambiamento significativo che Google ha reso ufficiale in questo senso è l’esclusione delle versioni più vecchie di Froyo (Andorid 2.2) dalle nuove politiche aziendali che riguarderanno nuove applicazioni e servizi.

Di modelli Android ce ne sono attualmente ancora tanti e quasi l’80% dei dispositivi appartiene a quella fascia che Google chiama di “dimensione normale”, intorno ai 7 pollici, mentre solo il 6,1% può essere definito di “grandi dimensioni”, da 10 pollici, così come solo il 4,8% dei dispositivi può essere inteso come “extra large”. Le diverse dimensioni dei ovviamente incidono anche sulla risoluzione degli schermi. Ad esempio, Google classifica il 33,6% dei dispositivi dalle “dimensioni normali” come ad alta densità di pixel, il 23,1% come ad alta densità e il 7,1% come a densità ancora più alta. Questo sembrerebbe per gli sviluppatori e i game designer un ostacolo significativo, ma la buona notizia è quella secondo Google avrebbe dichiarato che il 99,8% dei dispositivi Android supporta OpenGL 2.0 e 1.1.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This