Device

Android è la piattaforma mobile più attaccata da cybercriminali

Il sistema operativo è il sistema per dispositivi mobili più diffuso al mondo. Uno studio congiunto tra Dipartimento per la sicurezza nazionale USA e l’ rileva che il sistema operativo di Google è anche quello su cui si concentra la maggior parte dell’interesse dei criminali informatici.

Il documento fornisce delle statistiche ben precise: il 79% degli attacchi ha colpito dispositivi Android mentre il 19% ha colpito dispositivi Symbian. Le piattaforme iOS della Apple e Windows Mobile hanno percentuali bassissime totalizzato rispettivamente lo 0.7% e lo 0.3% degli attacchi.

Inoltre lo studio mette in luce anche le modalità attraverso cui i criminali informatici attaccano gli utenti: la metà degli attacchi diretti verso Android avverrebbe tramite SMS, mentre la restante percentuale sarebbe causata dai rootkits (comuni anche ad altre piattaforme) e da domini fasulli del Google Play Store (leggi: market e webstores alternativi).

Nel rapporto si legge che la piattaforma di Google è la più minacciata in primis per la sua fetta di mercato e per l’architettura “aperta” del software, ma anche perché molti utenti usano versioni “vecchie” e non aggiornate del sistema. A questo proposito si deve considerare che in alcuni casi i dispositivi in possesso degli utenti non dispongano da parte del fornitore di update o fix e quindi la prevenzione risulta inutile se non cambiando totalmente il terminale.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Shares
Share This