Legal & Digital Rights

In Russia entra in vigore legge antipirateria, accuse di censura

copyright

È entrata in vigore oggi in Russia la controversa “legge anti-pirateria” per la protezione dei diritti di proprietà intellettuale su film e video su Internet, criticata dagli operatori russi come un tentativo di limitare la libertà del web, e ostacolare l’innovazione nel campo informatico. La nuova norma, approvata dalla Duma a fine giugno scorso e subito firmata dal presidente Vladimir Putin, prevede che i siti ritenuti colpevoli di aver violato i diritti d’autore per il cinema e i video, sospetti di pirateria, possano essere bloccati dai giudici.

In questo modo, denunciano i leader del settore come il portale Mail.ru che oggi ha pubblicato un messaggio di protesta sul proprio sito web, anche siti che casualmente pubblicano link a materiali “illegali” possono essere spenti. Così come le pagine di utenti dei social network. Per impedire l’adozione della legge che a loro avviso rischia di danneggiare il mercato, alcune delle maggiori aziende informatiche russe – tra cui i motori di ricerca Yandex e Google.Ru – avevano firmato una petizione e proposto una lista di emendamenti al testo. Tutti rifiutati dai legislatori.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This