App

WhatsApp: scatta l’abbonamento annuale anche per iPhone. Ma solo per i nuovi clienti

whatsapp-iphone_t

Oggi esistono molte applicazioni che permettono di poter messaggiare online come Line, KakaoTalk, WeChat, Path e Facebook Messenger. In Europa l’app di messaggistica che domina è sicuramente , l’applicazione lanciata nel 2009, che ha avuto una crescita rapida soprattutto in quei mercati in cui i prezzi degli SMS era maggiore rispetto a quelli inviati attraverso applicazioni smartphone.

Ma da oggi l’app per gli ha ricevuto un importante aggiornamento che, oltre a introdurre nuove funzionalità e a correggere alcuni bug, chiarifica, e in qualche modo semplifica, il modello di business dell’azienda. Se fino a ieri gli utenti Android potevano utilizzare il servizio gratuitamente per il primo anno e poi a pagarlo dal secondo in poi, e i clienti pagavano l’acquisto una tantum dell’ app dall’App Store, da oggi tutte le piattaforme possono usare WhatsApp gratis il primo anno ma dal secondo in poi scatta un abbonamento anno. Minimo, peraltro.

Una buona notizia per i clienti Apple c’è: sul blog del servizio si legge che gli attuali utenti della’applicazione continueranno ad usarla per sempre senza ulteriori costi, mentre l’abbonamento sarà valido solo per i nuovi.

La scelta di unificare il modello di business non sorprende più di tanto in quanto, alcuni mesi fa, il CEO di WhatsApp Jam Koum aveva dichiarato che nel corso dell’anno anche l’applicazione per iPhone sarebbe stata allineata al modello di business presente su Android ed alle altre piattaforme BlackBerry, Nokia e Windows Phone.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This