Device

Apple può “entrare” negli iPhone per motivi di sicurezza

Apple: Ue avvia indagine per pratiche anti concorrenziali

può entrare negli aggirando il software di sicurezza e compromettendo la dei suoi clienti: ma solo su richiesta di polizia e agenzie investigative statunitensi. Lo rivelano alcuni media Usa.

Le domande di accesso agli smartphone sono talmente numerose che Cupertino ha creato una vera lista d’attesa, con tempi piuttosto lunghi. Il dispositivo infatti ha un grado di sicurezza così elevato che le forze dell’ordine, in caso di necessità di acquisire informazioni, non sono in grado di entrare negli iPhone e per farlo devono chiedere aiuto al colosso californiano.

Per forzare il codice d’accesso è necessario che l’utente si trovi ad avere a che fare con la legge, e in caso venga provata la sua innocenza, potrebbero porsi nuovi interrogativi di non facile soluzione.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This