Market & Business

Canalys: spedizioni in rialzo per i dispositivi mobili smart

mobile-marketing

Le spedizioni totali di (notebook, tablet e smartphone) per il primo trimestre 2013 hanno raggiunto le 308,7 milioni di unità, secondo le ultime stime globali di Canalys. Questo dato rappresenta una crescita su base annua del 37,4%. Per quanto riguarda i fornitori di OS, la Open Handset Alliance continua a dominare con Android che si classifica come il sistema operativo più scelto per il 59,5% dei dispositivi mobili spediti.
La forza di Apple nel mercato smartphone e tablet PC ha rappresentato il 19,3%, mentre la quota di Microsoft si attesta al 18,1% che rispecchia una forza ancora presente nel mercato pc, ma che fa ancora fatica a decollare in quello degli smartphone.

Dei tre dispositivi citati, il mercato dei tablet continua a crescere più velocemente. A livello mondiale, le spedizioni di tablet sono cresciuto del 106,1% su anno a 41,9 milioni di unità. Anche se Apple continua a guidare nello spazio tablet con una quota del 46,4%, ha perso terreno rispetto ai rivali Android per il terzo trimestre consecutivo.

Guidata da Google e Amazon, la mercificazione del mercato dei tablet è avvenuta molto più velocemente di quella del più ampio mercato PC“, ha riferito Tim Coulling analista senior di Canalys. “I margini di profitto sono schiacciati e i fornitori che non hanno una struttura a basso costo difficilmente potranno competere. Una solida gamma di accessori e software sono di vitale importanza nel caso i venditori volessero incrementare i ricavi attorno ai loro prodotti di punta”.

Le vendite di smartphone, invece, sono state pari a poco più di 216,3 milioni per il trimestre, mantenendo la forte crescita (47,9%) che il mercato ha visto per tutto il 2012. I telefoni Android rappresentano il 75,6% del totale delle vendite di smartphone con Samsung che domina ancora una volta, vedendo crescere il suo volume del 64,3% su anno, a arrivando ad una quota di mercato chesupera il 32%. Al contrario, Apple ha visto una crescita annua modesta (6,7%) nelle sue vendite di smartphone, registrando il livello più basso del primo lancio dell’iPhone nel 2007.

Nonostante la sua lenta crescita, Apple ha comunque spedito oltre 37 milioni di iPhone“, ha detto Pete Cunningham, Principal Analyst di Canalys. “Ma HTC e Samsung hanno sollevato la barra con i loro ultimi cellulari e Apple ha bisogno di rispondere con il suo prossimo iPhone. L’interfaccia utente di iPhone ha ormai sei anni ed ha un gran bisogno di un aggiornamento. Il più grande dilemma che Apple deve affrontare è quello delle dimensioni del display del prossimo iPhone. Non si può ignorare la tendenza per display più grandi degli altri smartphone. Ci aspettiamo un aumento delle dimensioni del prossimo iPhone, ma di sicuro non prevediamo un iPhone stile phablet“.

Huawei, LG e ZTE completano la classifica dei primi cinque vendor di smartphone, tutti con una quota di mercato inferiore al 5% ciascuno. Ancora una volta, Huawei e ZTE hanno beneficiato della forza della domanda nel loro paese, la Cina, registrando rispettivamente l’84% e il 71% delle loro spedizioni.

Infine, le vendite di notebook sono state pari a 50,5 milioni di unità, ancora una volta contrazione nel trimestre del 13,1% rispetto allo stesso periodo nel 2012. Il più grande calo è stato in Europa occidentale, dove le spedizioni sono diminuite del 25,2% su base annua. “Ci sono fattori macroeconomici che contribuiscono a questa tendenza in corso, ma l’impatto dei tablet non deve essere sottovalutato“, ha detto l’analista di Canalys, Pin-Chen Tang.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This