In Controluce

Di rete, incompetenza e paura dell’ignoto: @lauraboldrini e la censura (di nuovo?) del web

Italy's Parliament Holds First Session

È difficile capire se dia più fastidio la voce del neo-potente di turno che parla di cose che non sa, o il coro degli opportunisti in cerca di attenzione che di volta in volta gli danno ragione.

Certo è che, ogni volta che c’è un nuovo Governo, i nuovi governanti proprio non riescono ad evitare di parlare di cose delle quali non comprendono la natura e, di conseguenza, delle quali hanno paura. E naturalmente nulla fa più paura ai potenti della Rete: liquida (e quindi torbida), decentrata (e quindi insidiosa), in evoluzione (e quindi oscura). Insomma: pericolosa. E stavolta è stata niente di meno che la Presidente della Camera , ad aprire le danze. Come tanti altri prima di lei, si è accorta di internet e – per non saper nè leggere nè scrivere – ha deciso che così com’è non va bene. Va regolamentata. E ti pareva. Certo, la Presidente della Camera aggiunge “so bene che la questione del controllo del web è delicatissima“. meno male, almeno si rende conto della gravità di quello che dice. Ma prosegue “Non per questo non dobbiamo porcela“. Ecco appunto, come non detto: come dire, è un lavoro ingrato, ma qualcuno deve pur farlo.

E per metterci il carico da undici tira in ballo anche la questione di genere, cosa che, se fossi una donna, mi darebbe non poco fastidio: “le donne muoiono per mano degli uomini ogni giorno, ed è in fondo sempre considerata una fatalità, un incidente, un raptus. se questo accade è anche perché chi poteva farlo non ha mai sollevato con vigore il tema al livello più alto, quello istituzionale. Facciamolo, finalmente”. Quindi, stai a vedere che è tutta colpa di Facebook.

Nel merito della questione non entro, e mi limito a sottoscrivere parola per parola la lettera di Arianna Ciccone. Ma che noia: sono anni che giochiamo questo tiro alla fune contro l’incompetenza dell’ultimo arrivato, che non capendo la natura delle cose delle quali parla cerca di ridurle in termini a lui note, piuttosto che sforzarsi di capire. E visto che incompetenza e politica vanno spesso d’accordo, ci si ritrova a dover difendere ovvietà da questo pericoloso binomio politica/incompetenza prima che produca effetti (normativi) che – quelli si – potrebbero essere devastanti. Perché è mille volte più facile promulgare una norma – anche se inutile o, peggio, dannosa – che non comprendere come risolvere il problema. Ed il problema in questo caso non è che internet vada regolamentata, ma che la politica e le istituzioni dovrebbero preoccuparsi di temi come il digital divide culturale, la media literacy, la digital inclusion. Così, mentre l’Europa lavora e pensa anche a figure come il Digital Champion, noi le trasformiamo in onorificenze e mostrine da appuntare alla giacca, ed invece di guardare alla luna, che è lo sviluppo digitale del nostro Paese, guardiamo al dito, che è l’incapacità del nostro sistema paese di sviluppare quei percorsi cultuali e di crescita che facciano comprendere ai cittadini comuni – ma prima di tutto a quelli che ricoprono nostro malgrado cariche istituzionali – che non è un problema di leggi, che ci sono, ma di cultura, appunto. E la responsabilità politica del divario culturale nelle tematiche connesse al digitale non è certo della rete, ma di politica ed istituzioni che non capendola la combattono, invece che promuoverne lo sviluppo. Così, invece di parlare di cose serie, nel giorno in cui il Presidente del Consiglio presenta un Governo dove di temi come digital inclusion, agenda digitale ed innovazione non v’è traccia, la Presidente Boldrini non trova nulla di meglio da fare che non prendersela con Internet.
E per riparare ai danni di una dichiarazione improvvida che finisce su tutti i giornali, servono pagine e pagine di post dalle profondità della coda lunga. Ma la rete è anche questo.

Chief Editor di TechEconomy.
Docente universitario, giornalista, advisor per le Nazioni Unite.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ YouTube Skype 

7 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

7 Comments

  1. Nicola Biffi

    04/05/2013 alle 01:45

    “la Presidente Boldrini non trova nulla di meglio da fare che [non] prendersela con Internet”.

    Egregio “docente universitario” (più precisamente: “docente a contratto”, non “titolare della cattedra” di Tecnologie applicate alla Comunicazione d’Impresa alla Sapienza, Università di Roma [“titolare” è qualifica che spetta al docente di ruolo, inquadrato nel MIUR, e Lei non lo è]), giornalista e consulente di direzione(?);
    la svista riportata in epigrafe è palese, ma esprime, Suo malgrado, la verità. Infatti, solo uno immodesto come Lei (si rilegga: “E visto che incompetenza e politica vanno spesso d’accordo, ci si ritrova a dover difendere ovvietà da questo pericoloso binomio politica/incompetenza prima che produca effetti (normativi) che – quelli si [ovvero sì]– potrebbero essere devastanti”), la Ciccone e il Di Corinto, può dare lezioni anche di saggezza politica a chi – per non saper nè leggere nè scrivere – [ovvero “né leggere né scrivere”] chiede che si adottino adeguate misure per una regolamentazione del web. Non si tratta, pare evidente, di “censura” e meno ancora di “soppressione”; né la questione sollevata dalla Boldrini osta al Suo sproloquio sulla necessità di uno sviluppo del digitale nel nostro Paese. Viene da chiedersi, dunque, se ha letto davvero l’intervista e, soprattutto se ha capito la frase che Lei stesso ha riportato tra virgolette. La vittima dello sciacallaggio liberamente esercitato sul ‘web’ non ha sollecitato alcunché contro la forma di comunicazione da Lei tanto morbosamente difesa, ma si è limitata piuttosto a promuovere, proprio grazie a essa, una seria “battaglia culturale” (come la stessa Boldrini dice più avanti), che passi ‘anche’ attraverso la disciplina dei vari ‘blog’, non ‘solo’ attraverso la loro chiusura. Pertanto, la Sua, egregio Epifani, è una versione inspiegabilmente acrimoniosa e distorta di quanto l’oggetto della Sua reprimenda ha inteso affermare.

    • mino

      05/05/2013 alle 12:12

      mah! il suo commento sarà anche forbidabile (più forbito che formidabile) ma se una persona mangia come parla non oso immaginare in che stati si trovi la sua pancia

      saluti

      • Nicola Biffi

        05/05/2013 alle 15:57

        Stia pure tranquillo, egregio vegano,
        sono sobrio nell’alimentarmi quanto mi consente il mio non eccelso stipendio (se è a quello che vuol alludere) e perciò ho lo stomaco a posto e le funzioni corporee regolari. Quanto al mio modo di esprimermi, è effettivamente un po’ al di sopra di quello di chi parla a stomaco vuoto eppure rutta. Se è il caso, Lei cambi dieta!

        • mino

          05/05/2013 alle 18:51

          un po’ al di sopra, ma non troppo, ecco ora un po’ al di sotto, attento non troppo, un po’ al di sopra, vabbè lasci perdere conservi quello che la natura le ha dato

          saluti

          • Nicola Biffi

            05/05/2013 alle 21:45

            Amico, Le ricambio i saluti, perché non perdo tempo a discutere con uno che delira

  2. Pingback: #Boldrini: se in strada ti minacciano non controlli/spegni la strada e tutti quelli che la attraversano! – Al di là del Buco

  3. Pingback: La censura: non in mio nome! (+ Alfabetizzazione – Controllo!) – Al di là del Buco

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This