Device

Google Glass: rilasciate le prime specifiche tecniche

N

In concomitanza con una iniziale spedizione dei celebri Glass, la società ha rilasciato alcuni dettagli relativi al nuovo dispositivo. Dopo quasi un anno dalla loro presentazione, sono finalmente trapelate alcune interessanti .

Innanzitutto, secondo quanto riportato dalla pagina ufficiale di Google, il dispositivo dispone di una fotocamera da 5 megapixel con la possibilità di girare video fino a 720p e 16GB di storage, il tutto contenente in quella che si dice sia una struttura dal telaio resistente e di unica taglia (regolabile con l’aiuto dei naselli).

Il display si dice sia equivalente alla visione che si ha di uno schermo da 25 pollici alla distanza di 8 piedi (2,4 metri), il che significa che non apparirà troppo grande, e non creerà problemi di strabismo nel tentativo di utilizzare le sue funzioni. L’audio è fornito attraverso la conduzione ossea, e si dice che una singola carica della batteria basti per durare l’intera giornata.

La connettività include lo standard 802.11b/g Wi-Fi e Bluetooth, oltre ad una porta micro USB per il trasferimento dati e la ricarica (gli utenti sono invitati a utilizzare il caricabatterie specifico dei Glass- piuttosto che uno generico). Infine, è prevista la compatibilità con qualsiasi smartphone Android aggiornato ad Ice Cream Sandwich 4.0.3 o superiore, così come con l’applicazione MyGlass, disponibile a breve nel Google Play Store.
In occasione del rilascio delle specifiche tecniche, sono state divulgate anche delle altre informazioni relative alle API con le quali gli sviluppatori potranno programmare interfacce e servizi per il nuovo dispositivo.

Anche se i sono stati presentati tempo fa in occasione della conferenza SXSW, la nuova documentazione rilasciata va maggiormente in profondità per quanto riguarda la scrittura di quello che Google chiama “Glassware”, tra cui una guida rapida di avvio per Java e Python e altre guide per gli sviluppatori.

Oggi stiamo rilasciando la documentazione delle API e un quantitativo di esempi di codice, quindi, anche se l’API è in una versione limitata per gli sviluppatori, si può iniziare a sognare con noi,” ha scritto Jenny Murphy, ingegnere di Google+ in un post.

La guida per gli sviluppatori delinea un paio di caratteristiche chiave delle API basate su cloud, tra cui la gestione di schede di cronologia, voci di menu, condivisione di contenuti, abbonamenti alle notifiche, e l’osservazione delle posizioni della timeline degli utenti. Dispone inoltre di un parco giochi, un insieme di strumenti che permette agli sviluppatori di sperimentare nuovi contenuti per i Glass.

L’anteprima per gli sviluppatori è stata divulgata lo stesso giorno in cui Google ha rilasciato la notizia che alcuni dei suoi nuovi dispositivi da 1,500 dollari sono usciti dalla catena di produzione e spediti ad alcuni fortunati.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This