Market & Business

eMarketer: gli americani sempre più verso lo streaming online

Internet

Secondo una nuova ricerca targata eMarketer, se la popolarità delle TV connesse continuerà il suo attuale percorso, presto negli Stati Uniti si potrà intravedere la fine della tv così come la conosciamo.

Il sondaggio Belkin e Harris Interactive ha rilevato che il 30% degli utenti Internet statunitensi avrebbe considerato di concludere il proprio abbonamento di tv via cavo per guardare la televisione esclusivamente on-line. Mentre la popolarità dello streaming di è sicuramente aumentata nel corso degli ultimi anni, il fatto che quasi un terzo della popolazione che usa Internet sia pronta a rinunciare (o ha già rinunciato) alla tv via cavo è segno che le persone stanno rapidamente trasformando i loro tradizionali modi di guardare la tv.

cable cutters

Più nello specifico, il 12% è “fortemente d’accordo” con l’affermazione “vorrei prendere in considerazione la sostituzione del abbonamento via cavo/satellitare con uno per lo streaming (ad esempio, Netflix, Hulu Plus) nel 2013.” Un altro 18%, invece, ha indicato che di essere “abbastanza d’accordo”.

I dati devono davvero spaventare le società via cavo. Attualmente 106,2 milioni di americani guardano tv show on-line almeno una volta al mese. Nel 2014, l’indagine prevede che oltre il 50% della popolazione Internet degli Stati Uniti, o 130,7 milioni di persone, guarderà la televisione on-line. Attualmente già circa l’80% della popolazione degli Stati Uniti utilizza Internet, compresi quelli che sono troppo giovani per usare il computer. Questo significa che circa il 40% di tutti gli americani guarderà la televisione sul proprio computer entro il 2014.

 cable cutters

Altri dati spiegano perché sta accadendo un tale cambiamento di atteggiamento del pubblico verso la Internet TV. Time Warner richiede un abbonamento mensile di 22,75 dollari mentre Comcast di 29.95 dollari al mese per i primi 12 mesi. Netflix fa pagare il suo abbonamento di streaming on-line appena la metà degli altri appena citati a  7,99 dollari al mese. Amazon Prime, d aparte sua, (che offre altri servizi come la spedizione gratuita di Amazon) costa 79 dollari all’anno, o 6.50 dollari al mese.

Anche fornitori di contenuti già affermati da tempo  come HBO stanno realizzando che il comportamento degli utenti è ormai mutato, tanto che, l’amministratore delegato delle rete, Richard Plepler, il mese scorso ha apertamente discusso la possibilità di offrire il canale Internet come servizio autonomo. Sembra, quindi, solo una questione di tempo, prima che anche altri network seguano la strada dell’online.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. GIANNI

    03/04/2013 alle 15:35

    ENTRO UNA DEINA DI ANNI ANCHE IN ITALIA SI VERIFICHERA’ LA STESSA COSA CON L’AGGIUNTA DEL NUOVO SMARTPHONE SEMPRE PIU’ DIFFUSI E SEMPRE PIU’ GRANDI

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This