ICT & Telco

L’Agcom fissa i prezzi per l’accesso alla banda ultralarga

agcom

La Commissione Infrastrutture e Reti dell’ ha approvato in questi giorni i prezzi che i concorrenti di Telecom Italia pagheranno per l’accesso alle sue infrastrutture. Si parla di cavidotti, pozzetti e ottica ma anche di bitstream NGA e VULA.  Suddetti prezzi sono stati offerti da Telecom Italia agli Operatori Alternativi (OLO) per fornire ai propri clienti servizi a banda ultra larga su fibra ottica (si parla di 30 Mbit/s) e su rete mista fibra – rame ( FttC ).

Tra le condizioni approvate dall’Agcom hanno particolare rilevanza i canoni mensili delle linee di accesso che collegano la sede del cliente alla centrale locale. Questi sono determinati in base alle architetture delle reti NGA e alle attuali ipotesi di sviluppo della domanda di servizi a banda ultralarga.

Per quanto riguarda i servizi VULA FttC, proposti da Telecom Italia a 31,01 euro al mese, l’Autorità ha fissato il canone dei servizi di accesso per dati e voce su IP a 21,51 euro al mese, con il 31% di riduzione. Per quanto riguarda, invece, i servizi VULA FttH, a fronte della proposta di Telecom Italia pari a 38 euro al mese per banda 100/10 Megabit/s, l’Autorità ha fissato il canone a 24,9  euro al mese con una riduzione del 35%.

Infine, i servizi di accesso alle infrastrutture di posa (cessione dei minitubi in diritto d’uso quindicennale) e alla fibra spenta (cessione di tratte di fibra ottica in diritto d’uso quindicennale), l’Autorità conferma gli iniziali orientamenti posti a consultazione pubblica, seppur con qualche ulteriore riduzione in ribasso.

I prezzi fissati rappresenteranno il valore di riferimento per i prezzi NGA 2013 , la cui approvazione è oggetto di un apposito procedimento che si concluderà entro giugno 2013. Per quanto riguarda i prezzi per gli anni 2014, 2015 e 2016, invece, questi verranno definiti sulla base delle analisi di mercato, con un trend di plausibile riduzione anche a seguito dello sviluppo della domanda e del le maggiori economie di scala, come già avvenuto in altri Paesi.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This