Device

Nielsen: il 62% degli italiani possiede uno smartphone

smartphone

Preferisce lo al telefonino normale anche se lo usa più per mandare sms che altro, spende in media 22 euro al mese e solo in un terzo dei casi ha più di un dispositivo. Il profilo dell’italiano mobile è stato tracciato da uno studio Nielsen: The Mobile Consumer – A global snapshot, in dieci paesi del mondo.

In tutti i paesi presi in esame, che comprendono sia economie occidentali che emergenti, gli utilizzatori di dispositivi sono più dell’80%. In sono il 97%, meno solo di Corea del Sud, Russia e Gran Bretagna, di cui la maggioranza trasversale del 62%, di tutte le età, ha uno smartphone. Il 35% degli italiani ha più di un dispositivo, dato che in Russia supera il 50% mentre in Turchia scende al 7%.

Da noi i piani tariffari vincono sulle soluzioni come le carte prepagate, con il 57%. La spesa media è di 22 euro per gli smartphone e di 20 per i telefonini tradizionali: “Criteri per la scelta del telefono mobile variano da paese a paese – si legge nel rapporto – un buon rapporto qualità/prezzo è fondamentale per i consumatori di Usa (30%), Uk (28%) e Italia (28%), in Russia invece si sceglie soprattutto in base al design (23%, vs 14% in Italia) e in Cina è importante avere un’ampia scelta di applicazioni (21% vs 17% in Italia). Il 23% degli italiani sceglie il proprio telefono in base alla qualità del sistema operativo, il 14% in base alla facilità d’uso”.

Per quanto riguarda il cosa si fa con il telefonino invece in Italia prevale l’sms, con l’89%, mentre il 51% controlla la posta elettronica, il 47% usa i social network, il 37% naviga su Internet mentre non ha preso piede o shopping on line, fermo al 15%. Tra le app trionfano i giochi, vicini al 50% come i social network e le mappe.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This