Market & Business

Il fisco francese chiede 52 mln a Microsoft

Microsoft

Continua il braccio di ferro tra il fisco francese e . È stato notificato un nuovo accertamento fiscale alla controllata francese di , il terzo in cinque anni, nel quale si chiedono 52,5 milioni di euro.

E’ quanto rivela BFM Business secondo cui Microsoft “contesta questo rimborso e si è rivolta alla Commissione nazionale per le imposte dirette, che sta esaminando il dossier“. Lo scorso 28 giugno, la sede francese di Microsoft, situata alle porte di Parigi, fu perquisita da 67 ispettori e controllori delle finanze, accompagnati da una trentina di poliziotti.

Ma la guerra tra Microsoft e il fisco francesce ha radici lontane; già nel 2005 al colosso americano era stato notificato un accertamento di 20 mln di euro nel 2005 che riguardava gli esercizi dal 1999 al 2001 ma Microsoft aveva vinto il ricorso davanti al Tribunale amministrativo e in appello. Il ministero dell’Economia francese, che non aveva fatto ricorso in Cassazione, aveva dovuto rimborsare a Microsoft i 20 mln di euro percepiti e altri 4 mln di interessi.

L’indagine in corso cerca di capire, tra l’altro, se anche Microsoft non utilizzi lo stesso espediente contestato a  Google, ovvero fatturare in Irlanda lavori realizzati in .

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This