Media

Al via con un tweet il nuovo sito della Fondazione Telecom Italia

Marcella Logli

Lanciato con un tweet il nuovo sito web della Fondazione Telecom Italia che dà anche il benvenuto alla neo eletta Marcella LogliSegretario Generale della Fondazione.

A quattro anni dalla nascita, la Fondazione rinnova la sua presenza in rete e lo fa con un sito che da canale istituzionale diventa un portale dinamico per presentare le attività e i progetti operativi della Fondazione, completo e agile da consultare. Uno strumento di comunicazione multimediale sempre più orientato al web 2.0 e ai social network, che risponde alla volontà di mettersi quotidianamente in relazione e a confronto con il mondo.

“Lavorare in una fondazione d’impresa significa confrontarsi quotidianamente con stimoli e verifiche continue, ma soprattutto significa essere disposti a mettersi in relazione, con il mondo sociale e non solo, perché proprio la varietà di fronti su cui Fondazione è impegnata costituisce la sua grande ricchezza” si legge in una nota.

Al centro sempre la tecnologia e insieme l’attenzione alle associazioni no-profit, al Terzo Settore, ai beneficiari dei progetti e a tutti gli enti interessati a partnership e attività congiunte, che sono i destinatari primari dell’azione, e quindi del portale web, della Fondazione.

Ma non c’è solo il sito. L’ente non profit di Telecom Italia è attivo anche sui principali canali social come Facebook e Twitter.

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This