Market & Business

Google: 5 miliardi di dollari entro il 2013 da pubblicità su tablet

google ipad

Secondo una nuova ricerca condotta da Marin Software, una delle principali aziende che aiutano gli inserzionisti ad acquistare spazi pubblicitari su web, entro il 2013 Search genererà un fatturato di 5 miliardi di dollari grazie ai ricavi ottenuti dalla pubblicità su tablet.

Le stime effettuate da Marin, che Google non ha ancora commentato, arrivano sulla scia dei movimenti che il motore di ricerca sta effettuando per aumentare i prezzi da far pagare agli inserzionisti per disporre di pubblicità sui dispositivi mobili, in particolar modo sui tablet. La scorsa settimana, infatti, Google ha cambiato il suo sistema di pagamenti richiedendo agli inserzionisti di pagare per gli spazi pubblicitari su tablet anche se questi ultimi sono interessati a raggiungere gli utenti dei personal computer. La società ha riferito che la decisione arriva dalla consapevolezza che la linea di confine tra utenti PC e tablet sembra essersi ormai assottigliata e le performance su entrambi i dispositivi sembra quasi uguale.

La ricerca di Marin sembra dar ragione alle affermazioni di Google, mostrando che l’efficacia degli annunci su tablet (e per efficacia si intende la velocità con cui un annuncio ha portato ad una vendita o portato a termine qualche altra richiesta della pubblicità) è salita del 31% durante il 2012, alla fine del quale il tassi di conversione degli annunci su dispositivi mobili è stato del 3,3% contro il 3,9% di quelli su PC.

Secondo l’analisi la somiglianza tra gli usi dei dispositivi mobili e desktop porterà gli annunci su Google Search ad avere lo stesso prezzo entro la fine dell’anno portando l’attuale scarto tra i due, attestato al 17% in meno per i tablet, ad essere completamento azzerato. Questo non vale, però, per gli smartphone, per le cui pubblicità gli inserzionisti pagano ancora di meno. Questo perché è più complicato riuscire a capire quanto i click sugli smartphone portano realmente a concludere acquisiti.

Il rialzo dei prezzi delle inserzioni pubblicitari sul search dei tablet è dovuto anche in larga misura dall’andamento delle vendite di tali dispositivi mobili che, nella maggior parte dei casi, hanno Google come motore di ricerca preinstallato. Entro la fine dell’anno, poi, i tablet rappresenteranno il 20% dei click con mouse sulle pubblicità dal Google Search negli Stati Uniti, su del 10,7% rispetto alla fine del 2012.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This