App

Spotify arriva in Italia

spotify

Il servizio di music sharing più famoso del momento è arrivato finalmente anche in Italia, proprio in concomitanza del Festival di Sanremo.

, creato nel 2008 dagli svedesi Daniel Ek e Martin Lorentzon, dispone di un catalogo di oltre 20 milioni di brani musicali che, grazie agli accordi con le case discografiche, possono essere distribuiti gratuitamente agli utenti per lo . In realtà il servizio deve la sua fama alla sua natura social, che permette di condividere sui principali social network Facebook e Twitter o su siti e blog il contenuto dei brani musicali offrendo la possibilità di interagire con i propri amici o lettori.

Spotify presenta in Italia le stesse caratteristiche che lo hanno reso famoso nel mondo. Dispone, infatti di tre tipologie diverse di abbonamento:

  • Spotify Free (completamente gratuito): accesso a milioni di brani dal desktop del computer, senza alcuna spesa ma con l’obbligo di ascoltare annunci pubblicitari;
  • Spotify Unlimited (4,99 euro al mese): nessuna interruzione, nessuno spot e nessun limite di ascolto;
  • Spotify Premium (9,99 euro al mese): tutto quanto offerto dalla sottoscrizione Unlimited, oltre alla possibilità di accedere alle playlist anche offline o da dispositivi mobile come smartphone e tablet, con una qualità sonora migliore.

Nello specifico, per quanto riguarda l’Italia, la piattaforma offre agli utenti del nostro paese la playlist “Ciao Italia, qui Spotify: Local Talent” all’interno della quale possono essere ascoltati i brani musicali di alcuni dei più conosciuti autori italiani del momento (Max Gazzè, Marco Mengoni…).

Veronica DIquattro, responsabile per il mercato italiano di Spotify ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di poter offrire da oggi agli italiani tutta la musica che hanno sempre voluto attraverso il miglior servizio di streaming musicale esistente al mondo. Arriviamo in Italia con un grande entusiasmo, sappiamo che gli utenti ci aspettavano da tempo. Spotify offre tutto ciò che l’utente ha sempre desiderato da un servizio di musica in streaming, basta provarlo una volta per non poterne più fare a meno: è un servizio di qualità, veloce, intuitivo che consente di vivere e condividere la musica con gli amici. Gli appassionati di musica potranno ora avere a disposizione tutto ciò che hanno sempre voluto, con un catalogo di oltre 20 milioni di brani, una delle più vaste librerie musicali on-demand al mondo, in maniera semplice e legale, al prezzo di un aperitivo al mese”.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Anna Lorentzon in the News

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This