Market & Business

Google dice no ad altri accordi sull’editoria al di fuori della Francia

google-france

ha affermato di non voler creare un fondo di investimenti per supportare l’ digitale al di fuori della . La dichiarazione arriva dopo la chiamata della scorsa settimana di Francisco Pinto Balsemao, capo de consiglio degli editori europei, affinché Mountain View pagasse le media compagnie in Europa per la visualizzazione dei loro contenuti.

Google ha un trascorso burrascoso con gli editori europei con cui ha combattuto battaglie legali per diversi anni, addirittura arrivando con Belgio e Francia a dispute riguardo casi di copyright per la visualizzazione di porzioni di contenuti nei risultati di ricerca e sui servizi di aggregazione come Google News.

Nonostante questo, all’inizio del mese Google ha annunciato un fondo di 60 milioni di euro per sostenere le iniziative digitali degli editori Francesi, divulgando al tempo stesso la notizia di aver risolto le precedenti dispute legali legate al copyright. La società della Silicon Valley, però, ha dichiarato che non intenderà promuovere lo stesso tipo di investimenti per gli altri paesi europei.

Il sito TechCrunch ha cercato di fare chiarezza rispetto alla questione chiedendo alla società se ha l’intenzione di investire nuovamente in altri paesi dell’Europa ma un portavoce ha risposto: “Anche se siamo sempre felici di parlare con gli editori riguardo nuove idee per veicolare traffico, fidelizzazione e monetizzazione, non siamo attualmente cercando di creare nuovi fondi al di fuori della Francia”.

Google ha risolto una recente controversia con gli editori belgi lo scorso dicembre accettando di collaborare con loro contribuendo alla promozione di loro servizi e contenuti. Il caso francese, risolto lo stesso giorno dell’annuncio del fondo di investimenti, si è risolto praticamente nello stesso modo. Oltre all’investimento, Google ha provveduto ad annunciare che intende “approfondire la sua partnership con gli editori francesi per contribuire ad aumentare i loro ricavi online utilizzando la nostra tecnologia per l’advertising”.

La società californiana non ha, però, rilasciato spiegazioni sul perché solo la Francia abbia avuto questo trattamento di favore, ma in un post che annuncia la creazione del fondo, si fa riferimento ad un impegno che Google ha assunto nel 2011 per aumentare i loro investimenti in Francia.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Google: Parlamento spagnolo approva la Google tax | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This