Market & Business

Cisco: nel 2017 più smartphone e tablet connessi al web che persone

Cisco

Secondo una recente ricerca Cisco Visual Networking Index (Vni) Global Mobile Data Traffic Forecast 2012 – 2017, il traffico sulle reti mobili nel mondo crescerà di 13 volte nel corso di 5 anni arrivando nel 2017 a 11,2 exabyte al mese (134 exabyte all’anno). Soltanto fra il 2016 ed il 2017 si avrà un aumento di 3,7 exabyte al mese di traffico mobile: un volume enorme, pari a quattro volte il traffico internet mobile che si è registrato nel 2012 a livello globale.  ritiene che nel corso del periodo coperto dallo studio il volume di traffico dati su reti mobili a livello globale sarà tre volte maggiore rispetto al traffico che si registrerà sulla rete fissa.

Nella ricerca è inclusa anche l’Italia che riconferma la sua “passione” per il mobile. Il traffico dati sulle nostre reti mobili, infatti, crescerà di 9 volte nei prossimi cinque anni, più della media dell’Europa Occidentale (7,6%) e, nel 2017, in media ogni utente mobile “produrrà” 3,35 Gb di dati al mese, mentre nel 2012 il dato medio era pari a circa 421 Mb.

Nell’ultimo anno vi è stata un’accelerazione importante: nel 2012 il traffico dati su reti mobili in Italia è cresciuto del 46% rispetto all’anno precedente, raggiungendo quota 22 Petabyte al mese (l’equivalente del contenuto di 6 milioni di Dvd). Non solo cresce il traffico ma anche il numero di e posseduti. Per il 2017, il maggiore incremento si avrà nei : si prevede che ce ne saranno 6,8 milioni. Nel 2017 gli abitanti della terra, secondo le Nazioni Unite, saranno 7,6 miliardi – e in quell’anno, sul nostro pianeta, vi saranno più connessioni internet mobili che persone.

L’Italia farà la sua parte: si prevede che nel 2017 vi saranno in totale oltre 136 milioni di device connessi alla rete mobile, tra smartphone, tablet, laptop con connessione mobile e oggetti con connessioni M2M (machine to machine).

Doug Webster, vice president of product and solutions marketing di Cisco, ha così dichiarato: “Nel 2017 il traffico dati su reti mobile avrà numeri davvero imponenti. Immaginare che ogni giorno ogni persona del mondo invii 10 immagini a qualcuno; immaginare che tutti gli abitanti della terra inviino ogni anno 3 trilioni di video clip, uno al giorno per ciascuno. Questo accadrà nel 2017. E’ uno tsunami di dati che invader le reti Internet mobile del mondo, per soddisfare il nostro bisogno di connettere fra di loro le persone, le informazioni, le cose: è parte di quello che noi chiamiamo Internet of Everything”.

Secondo Cisco, inoltre, la rapida crescita dei dispositivi connessi metterà in crisi l’attuale infrastruttura Internet con i fornitori della Rete che depisteranno i clienti sul prossimo protocollo Internet – l’IPv6, successore dell’attuale Ipv4 – che sarà in grado di supportare un numero maggiore di dispositivi connessi al web. L’attuale standard Ipv4 può sostenere 4,3 miliardi di apparecchi connessi. Lo spazio Ipv4 è gia scaduto a febbraio 2012. Per Cisco la categoria di dispositivi connessi al web che aumenterà sarà la categoria delle ‘machine-to-machinè (M2M) che comunicano cioè direttamente con altri computer su Internet senza la mediazione di esseri umani. A questa categoria appartengono gli apparecchi per la sorveglianza, la manutenzione, l’automazione negli edifici e gli apparecchi sanitari.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This