Market & Business

Google vs Francia: c’è l’accordo sugli editori. Istituito un fondo di 60mln di euro

Francia vs Google

Svolta nella battaglia tra Francia e Google sul tema della remunerazione degli autori, e quindi, sul macro tema dei diritti d’autore: il presidente francese Francois Hollande e il colosso americano del web, al termine di un incontro a Parigi hanno messo la parola fine a oltre due mesi di difficili negoziati.

L’Eliseo ha annunciato, infatti, la creazione di un “fondo di 60 milioni di euro“, interamente finanziato dal colosso americano, che avrà lo scopo di “facilitare la transizione della stampa verso il mondo digitale“. Il consiglio di amministrazione del Fondo sarà composto da rappresentanti di , dell’, ma anche da personalità indipendenti. Mentre il suo utilizzo sarà controllato da un organo esterno e indipendente. Il Fondo sarà aperto a tutti i siti di informazione generalista e politica. “Il suo compito sarà di selezionare i progetti meritevoli che riceveranno un aiuto“, spiega Marc Schwartz, il mediatore del governo francese per la trattativa con Google. L’accordo firmato a Parigi prevede anche un “partenariato commerciale” di una durata di cinque anni. Obiettivo? Aiutare la stampa a svilupparsi su internet, “accrescendo i suoi redditi on-line”, ha precisato un portavoce di Google. Per Schmidt, quello firmato oggi è “un accordo storico, nell’interesse del popolo francese“. “Meglio un accordo che una legge“, ha aggiunto.

Lo scorso novembre – nel corso di un incontro all’Eliseo – Hollande aveva lanciato un avvertimento al numero uno di Google, chiedendogli di aprire al più presto una trattativa con gli editori e giungere a una soluzione sul problema dei contenuti della stampa on-line, se non voleva incorrere nella temutissima ‘Google tax’. La scadenza delle trattative era stata fissata in un primo tempo al 31 dicembre scorso, ma Parigi ha poi concesso un mese ulteriore per giungere a una soluzione. Per il ministro dell’Economia digitale, Fleur Pellerin, la somma di 60 milioni di euro è “molto soddisfacente. Non è una pura sovvenzione. È un aiuto alla trasformazione in modo che gli editori della stampa possano modernizzare i loro modelli economici“. “L’insieme degli editori dell’informazione generalista e politica si rallegrano per l’accordo raggiunto con Google – afferma da parte sua Nathalie Collin, presidente dell’associazione degli editori che ha partecipato alla trattativa – questo accordo è una prima mondiale e consentirà agli editori (…) di andare avanti nella loro mutazione digitale”.

Per molto tempo, gli editori francesi, italiani e tedeschi hanno fatto quadrato per chiedere di tassare il colosso di Mountain View, visto che grazie ai loro contenuti il gigante americano del web genera profitti colossali, senza contropartita.

3 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

3 Comments

  1. Pingback: Google: dalla Francia nuovo monito sui "doveri fiscali" | Tech Economy

  2. Pingback: Diritto d'autore: ok dal parlamento tedesco alla "lex Google" | Tech Economy

  3. Pingback: Accordo Google-Francia: in vigore fondo per innovazione stampa | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This