Market & Business

Apple: vendite record ma conti deludenti

iphone5

Le preoccupazioni delle vigilia trovano riscontro: chiude il primo trimestre dell’esercizio fiscale 2013 con la cifra record di 47,8 milioni di venduti e ricavi per 54,5 miliardi di dollari. Numeri che non bastano però a rassicurare il mercato che subito punisce la mela: il titolo affonda nelle contrattazioni after hour a Wall Street, dove le quotazioni arrivano a cedere quasi l’11% a 458 dollari. E alcuni analisti prevedono che la parabola al ribasso continuerà, con che potrebbe scendere a 425 dollari per azione già in questo trimestre.

L’utile netto di Apple è risultato pari a 13,1 miliardi di dollari, quasi invariato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E il balzo dei ricavi del 18% non basta a spazzare via i timori degli analisti sulle prospettive di crescita della società. Preoccupazioni che nelle ultime settimane hanno pesantemente penalizzato il titolo, facendogli perdere il 27% – circa 190 miliardi di dollari – dai picchi di settembre. Gli analisti scommettevano su ricavi pari a 55 miliardi di dollari, con un utile per azione di 13,44 dollari. Il margine lordo si è attestato a 38,6% a fronte del 44,7% dell’anno precedente e in linea con le attese degli analisti. Per il secondo trimestre dell’anno fiscale, Apple stima ricavi per 41-43 miliardi di dollari e un margine lordo fra il 37,5% e il 38,5%. Alla fine del terzo trimestre Apple ha una liquidità di 137,1 miliardi di dollari, in aumento rispetto ai 121 miliardi della fine del trimestre precedente, chiusosi in settembre.

“Siamo soddisfatti dei ricavi record oltre i 54 miliardi di dollari e delle vendite di oltre 75 milioni di dispositivi iOS in un solo trimestre“, afferma l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, definendo il trimestre “straordinario” e ribadendo l’impegno di Apple a produrre i “dispositivi migliori al mondo, i prodotti che i consumatori amano”. “Abbiamo fiducia nei nostri prodotti e continuiamo a concentrarci nell’innovazione e nel produrre i migliori prodotti al mondo“. Il chief financial officer, Peter Oppenheimer, mette in evidenza come al società abbia “registrato un trimestre record per le vendite di iPhone e iPad, ampliato il nostro ecosistema e generato i maggiori ricavi di sempre“. Il titolo Apple risente da subito dei risultati deludenti, ai quali si aggiunge la decisione dell’antitrust Usa di rivedere la vittoria di Apple su Samsung.

A pesare è però la decisione di Apple di rivedere le linee guida per il trimestre successivo: se finora Cupertino era famosa per stime conservatrici, ora – precisa la società – Apple diffonderà linee guida che sono quelle che punta a centrare, in pratica i risultati che reputa raggiungibili.

 

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. Pingback: Twitter vale sempre di più: per FT raggiunge i 9 miliardi | Tech Economy

  2. Pingback: Apple: trimestrale torna positiva, boom di vendite iPhone | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This