Market & Business

Huawei verso il sorpasso di Ericsson come leader di apparati Tlc

Huawei pronta ad acquistare Nokia?

La multinazionale cinese , molto probabilmente diventerà il primo produttore al mondo di apparati per le telecomunicazioni, superando , società svedese leader di mercato.

La multinazionale cinese ha generato nel 2012 vendite per circa 35.4 miliardi di dollari (220.2 miliardi di yuan). Stando ai dati finanziari rilasciati dalla società, il fatturato sarebbe cresciuto dell’8% rispetto all’anno precedente e il 66% delle vendite, nonostante le tante polemiche, sarebbe stato realizzato sui mercati internazionali. Trend positivo anche per i profitti netti cresciuti del 33% (15.4 miliardi di yuan).

Ericsson rilascerà i propri dati finanziari ufficiali a fine mese, ma gli analisti ritengono che abbia generato un volume di vendite leggermente inferiore a quello della concorrente cinese, che aveva già superato la società svedese per quanto riguardava i risultati del primo trimestre 2012 (circa 850 milioni di dollari di fatturato in più).

Gli analisti ritengono che i risultati positivi potrebbero convincere Huawei a quotarsi sui mercati finanziari sull’onda dei successi. La multinazionale, in ogni caso, prevede un trend positivo anche per l’anno in corso, con un tasso di crescita per il fatturato stimato tra il 10% e il 12%.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Digitimes: in Cina previsti 422 milioni di smartphone nel 2014 | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This