Legal & Digital Rights

Google: vittoria della Cina. Addio alla funzione anti-censura

Google

Alla fine anche ha capitolato e ha rimosso da ieri dal suo motore di ricerca in la funzione anti-censura che avvertiva che la parola che si stava cercando poteva essere sensibile per la Cina e quindi poteva essere bloccata. Lo scrivono i media cinesi.

La decisione della società di Mountain View di interrompere il servizio, che aiutava gli internauti contro la , sarebbe nata alla fine di un lungo e tormentato braccio di ferro con le autorità cinesi, cominciato lo scorso giugno. E la mossa di Google non è piaciuta agli internauti: sul web cinese sono molti i messaggi contro Google, che ha perso “la reputazione come avversatore della ”, accettando una autocensura.

La “guerra” tra Google e la grande muraglia di fuoco, il sistema cinese di censura su internet, non è recente e spinse il gigante informatico a spostare i suoi server a Hong Kong nel 2010. Nonostante questo, spesso sia Google che i sevizi di posta elettronica ‘gmail’ risultano bloccati in Cina.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This