Legal & Digital Rights

USA: Google non ha violato gli statuti antitrust. La FTC chiude il caso

FTC

chiude con una vittoria gli oltre 20 mesi di indagine dell’antitrust americana sulla ricerca online: secondo la Mountain View non ha violato gli statuti antistrust e si è impegnata ad adottare volontariamente alcune modifiche alle proprie pratiche di business.

La conclusione è chiara: i servizi Google sono buoni per gli utilizzatori e per concorrenza” mette in evidenza Google sul proprio blog. Mountain View si è accordata con la Ftc per offrire, fra l’altro, maggiore flessibilità ai pubblicitari nella gestione delle loro campagne con i siti rivali. “I cambiamenti che Google effettuerà assicureranno che i consumatori continuino a raccogliere i benefici della concorrenza online e sul mercato dei dispositivi wireless” afferma il presidente della Ftc, Jon Leibowitz, riferendosi all’impegno di Google di consentire ai competitor l’accesso ai per le tecnologie necessarie nella produzione di smartphone e tablet. Si tratta di di cui Google è entrata in possesso con l’acquisizione di Motorola Mobility.

La decisione della Ftc di chiudere l’indagine senza pesanti accuse a Google e senza sanzioni potrebbe divenire oggetto di scontro, con i rivali di Google che hanno premuto sulla Ftc affinchè conducesse l’indagine. Leibowitz difende il processo decisionale della Ftc. “L’indagine è stata profonda e attenta”.

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. Pingback: UE: la sentenza dell'antitrust USA su Google "non ha implicazioni dirette" sull'indagine della Commissione | Tech Economy

  2. Pingback: Antitrust UE: Almunia su Google "Temo ci sia un abuso di posizione dominante” | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This