In Controluce

Di Monti, comunicazione on-line, improvvisazione e salvatori della Patria

Schermata 2012-12-26 alle 12.28.39

Tre giorni fa, con la  conferenza stampa di fine anno, Monti è sceso in campo. Anzi, è “salito”, come ama sottolineare con il solito fare professorale (e dimenticando che l’espressione pare sia di Renzi). Ci sarebbe da riflettere sui contenuti di una conferenza stampa che – oltre che essere di fine anno, è stata anche di fine mandato. Sarebbe stato utile riflettere su numeri, dati, fatti, cifre. Tutto ciò non c’è stato, essendo stato invece il discorso del premier totalizzato da una serie di reprimende che – nella sostanza – hanno trasformato la tradizionale conferenza stampa di fine anno in un palco dal quale lanciare la sua candidatura. Una conferenza stampa particolare, quindi, che si è trasformata nel lancio di una campagna elettorale altrettanto particolare, visto che Monti non si rivolge al cittadino, non cerca voti che forse non ha e dei quali ha deciso di non avere bisogno: parla direttamente alle forze politiche.

Si dice disposto, un po’ come facevano i Radicali negli anni ’80,  ad allearsi – in sostanza – con chiunque sposi il suo programma e lo candidi direttamente come premier, senza passare dal via, che sarebbe la cabina elettorale. Che tanto, da  Senatore a Vita, in parlamento c’è già.
In fondo, e questo emerge chiaramente dall’assetto che sta prendendo la sua presenza in rete, è completamente disinteressato al rapporto con gli elettori, consapevole che, con le dinamiche attuali, il loro volere conta – in realtà – quanto il due di coppe quando regna denari.
La via dell’improvvisazione…
Molti hanno rilevato, in questa circostanza, un atteggiamento un po’ pressappochista di (o del suo staff) rispetto alla Rete. Non che manchino i motivi per dirlo. I primi tre giorni sono stati abbastanza significativi. Il sito Internet – salvo la piattaforma utilizzata (un canonico WordPress) – è quanto di più 1.0 si sia visto negli ultimi anni: una cosa che se l’avesse fatta chiunque altro avrebbe gridato vendetta. Il dominio è registrato a nome di una sua collaboratrice (Monti non è citato nemmeno come Admin-C: in sostanza, non è responsabile di quello che appare su quel sito) ed i contenuti consistono esclusivamente in una lettera di presentazione e l’ormai famosa Agenda. Non una parola su chi sia (non sia mai che qualcuno possa permettersi di non saperlo?). Non una parola sul suo operato degli ultimi 13 mesi (non sia mai che qualcuno possa permettersi di chiederne conto?). Altra cosa, piccola ma significativa in epoca di consultazioni (reali o farlocche): i commenti sono disabilitati. Non sia mai che tocchi leggerseli. Non sia mai che possa emergere una buona idea. Non sia mai che tocchi confrontarsi con critiche.
Per non parlare poi del (presunto) account Twitter. Presunto perché non si è capito bene se sia quello da 18.000 follower con tre aggiornamenti o quello da 23.000 ma con un solo aggiornamento e con tanto di bollino di account verificato in violazione della policy di twitter (il che farebbe sperare per l’altro). Costava molto mettere un riferimento all’account ufficiale sul sito?
Solo pressappochismo? 
Analizzare le modalità di comunicazione (politica) del quasi ex Presidente del Consiglio è particolarmente utile per comprendere come intenderà muoversi nei prossimi caldissimi mesi. Le ipotesi possibili, infatti, sono due. La prima è che Monti sia circondato, nella gestione della sua comunicazione online, da incapaci. Cosa che – per vari motivi e per conoscenza diretta – è fuori discussione. La seconda è che l’assetto strumentale e strategico scelto sia testimonianza di uno stile relazionale e metro di una cifra stilistica che probabilmente si espliciteranno meglio nei prossimi giorni. A Monti non interessa il dialogo con il cittadino, i suoi interlocutori sono le altre forze politiche, verso le quali si posizionerà come salvatore della patria, in un dialogo in cui l’elettore potrà  agire solo di sponda. Non sono un caso i continui riferimenti ai “rischi” di un cambio di rotta nella politica di gestione del Paese. Non è un caso la completa, totale, disarmante assenza di orientamento alla rete ed al dialogo di un Monti che – come il Papa – seguono tutti ma non segue nessuno. Non è un caso se la presenza sulla Rete e sui Social Network sia una presenza solo formale. C’è da sperare che il suo staff, nei prossimi giorni, faccia capire al Presidente Monti che l’ non è qualcosa che serve solo per riempire le agende. Altrimenti, delle due ipotesi, il pressappochismo sarebbe stato il male minore.

Chief Editor di TechEconomy.
Docente universitario, giornalista, advisor per le Nazioni Unite.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ YouTube Skype 

11 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

11 Comments

  1. Roberto

    26/12/2012 alle 17:36

    Meno elegantemente di lei, direi che se ne sbatte. Non tanto dell’open government ma soprattutto, ed e’ ben piu’ grave, dei cittadini e degli elettori. E piu’ in generale di chi lavora per produrre reddito e non rendita, come ci ha spesso dimostrato nel corso dell’ultimo anno.

    • admin

      27/12/2012 alle 15:56

      Si. Forse meno elegante. Sicuramente più efficace.
      s.e.

  2. gian paolo bonani

    26/12/2012 alle 17:39

    Bravo, come al solito. Troppo chiaro, preciso e acuto perchè lo capiscano. Un buon esempio di come la logica dei ragionieri che prevale in Europa non voglia e non sappia confrontarsi con nessuno.

  3. Fraq

    26/12/2012 alle 20:08

    Concluso che l’unico che potrebbe essere vero è quello che per 24 ore ha avuto l’uovo nella pic (l’altro, quello “certificato con Photoshop” oggi ha fatto outing con tweet in chiara modalità fake), mi sentirei di sposare la seconda tesi. Il linguaggio delle ultime 24 ore è tuttavia poco vicino al personaggio, cosa che rimanderebbe alla tesi 1.
    Ovunque sia la verità, l’assenza di smentite o conferme (qualcuno avrà avvisato almeno lo staff) ben si sposa con la tesi 2. Stiamo a vedere.

  4. Michael Sciam

    26/12/2012 alle 23:36

    Visti i risultati degli ultimi venti anni, ai gusti politici dei cittadini italiani io preferisco una “dittatura” della ragione.

  5. Cristian Conti

    27/12/2012 alle 14:54

    Mi trovi completamente d’accordo..ciao Stefano, auguri.

  6. gabriel maria dionisi

    29/12/2012 alle 12:48

    I vostri mi sembrano commenti da bar e privi di una qualsiasi logica. Si twitta tanto oer fare qualcosa e per capire se se si dovrà scegliere fra una cura di destra (a mio parere inaccettabile), una di centro-montiana, che comunque non cambierebbe le cose più di tanto o una cura di sinistra che permetterebbe a questo paese,secondo me, di ripartire. Auguri a tutti e buon anno.

  7. FRANCO ANDREOLI

    29/12/2012 alle 19:18

    A me pare che la cura messa in atto dal Professor Monti sia molto peggiore di quella praticata dall’altro prof. Prodi. Incomincio a diffidare dei Prof.
    Come mai non hanno provato a riformare l’Europa quando ne erano al timone?
    Scusatemi ma io non ho nessuna fiducia.
    Franco Andreoli

  8. ROSSELLA

    29/12/2012 alle 21:29

    Fino a poco tempo fa sulla politica ci credevo, ma Lei stesso mi fa ricredere a cio’ che dice dato che sul suo libro definisce “la politica ambigua”! Perche’ ci si e’ riappoggiato? Non mi venga a dire per salvare l’Italia!

  9. Pingback: I big della politica e le “regole” dei social | Tech Economy

  10. Pingback: I big della politica e le “regole” web social » Modena Come

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This