Market & Business

Nokia e RIM risolvono le dispute sui brevetti

nokia

e hanno siglato un accordo per chiudere tutte i contenziosi in corso sui tecnologici. La compagnia finlandese il mese scorso aveva avviato una serie di dispute legali contro la società canadese in diversi paesi del mondo che potenzialmente avrebbero potuto danneggiare profondamente il produttore dei , impedendogli di commercializzare dispositivi con connessione Wi-Fi.

I termini finanziari specifici dell’accordo non sono stati resi pubblici, ma Nokia ha fatto sapere che RIM le pagherà una somma una tantum, durante il quarto trimestre, e le verserà un compenso periodico per l’utilizzo dei brevetti.

La società finlandese, in crisi di vendite e in difficoltà finanziarie, cerca così di migliorare i propri conti economici sfruttando uno dei portafogli brevetti più ampi del mondo. Nokia ha, infatti, investito circa 45 miliardi di euro in ricerca per il mobile negli ultimi 20 anni, sviluppando un portafoglio brevetti che le frutta circa 500 milioni di euro l’anno in royalties. Somma che potrebbe incrementare fortemente se la compagnia riuscisse a raggiungere accordi simili con altri produttori con cui ha contenziosi aperti, ad esempio HTC.

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This