News

RIM perde punti ma non l’ottimismo

RIM

Le analisi di Wall Street non sono di certo rosee per che prevede una perdita di 182 milioni di dollari in aggiunta a ulteriori cali di 235 milioni. nel secondo trimestre. A fronte di questa situazione, gli azionisti concentreranno la loro attenzione sul lancio del nuovo BlackBerry 10 phone il prossimo 30 gennaio.

A generare una ventata di ottimismo tra gli azionisti verso i prossimi risultati finanziari è stata, però, l’apertura verso il nuovo telefono BlackBerry di grandi aziende telefoniche statunitensi come Verizon e AT&T, insieme a sviluppatori di applicazioni per mobile.

In relazione a questo periodo di calo si è espresso Vic Albioni, presidente di Jaguar Financial ed azionista di Rim affermando che ha espresso cauto ottimismo per il futuro.

A ciò si aggiunge una notizia positiva che rincuora l’esecutivo tedesco. Questa riguarda la previsione secondo cui un gran numero di enti pubblici utenti RIM aggiorneranno il loro telefoni al BlackBerry 10.

C’è da dire che le vendite di RIM sono in crescita nelle economie dei paesi emergenti come l’Indonesia o il Sud Africa, anche se d’altro canto, ha perso terreno in Gran Bretagna. Nonostante questo, l’amministratore delegato Thorsten Heins sta spingendo verso una revisione del software operativo BlackBerry nel tentativo di enrare a pieno titolo nel mercato dominato da Apple e Samsung. Sarà per questo che per la prima volta nella storia RIM pare produrrà un telefono dallo schermo piatto con, tra le altre, la funzione “peek” (sbirciare) che permetterà all’utente di vedere con un solo gesto e-mail o stati su social network.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This