ICT & Telco

Apple e Google danno la caccia insieme ai brevetti Kodak?

Apple

e potrebbero essersi alleati per cercare di acquisire i tecnologici posti in vendita da . L’azienda specializzata in tecnologie per l’immagini possiede circa 1100 ed è stata costretta a dichiarare bancarotta ad inizio anno.

I brevetti posseduti erano stati valutati dalla compagnia, prima dell’inizio dell’asta ad Agosto, tra i 2.2 e i 2.6 miliardi di dollari ma le offerte arrivate durante il primo giro di consultazioni si sarebbero aggirate tra i 150 e i 250 milioni. Somme insufficienti, visto che Kodak non può accettare offerte inferiori ai 500 milioni, a causa di accordi presi con i creditori.

Bloomberg riporta oggi che, dopo aver presentato in precedenza offerte separate in collaborazione con altre società (Apple con Microsoft, e Google con alcuni produttori Android) i due principali competitor del settore mobile si sarebbero alleati per strappare il ricco portafoglio brevetti con un offerta superiore alla cifra minima necessaria di 500 milioni.

La notizia, già di per sé curiosa, è resa ancora più ironica dal fatto che Apple in passato ha reclamato la proprietà intellettuale di alcuni dei brevetti che ora tenterebbe di acquistare in collaborazione con il suo principale avversario.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Kodak vende i brevetti a Google, Apple, Microsoft, Samsung, Facebook... | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This