Market & Business

Dell: crollano i profitti (-47%) per scarsa domanda consumer e business

dell-logo

registra un brusco crollo dei profitti (-47%) a causa della debole domanda di consumer , della riduzione degli investimenti in delle aziende e della forte adozione di tecnologie di mobile computing.

Dell, una volta primo produttore mondiale di PC, oggi terzo dopo aver perso posizioni a favore di produttori asiatici, sconta gli effetti della crisi economica che portano le aziende a rimandare gli investimenti in IT e il successo di smartphone e tablet tra i consumatori che indeboliscono le vendite di PC.

La corporation ritiene che il contesto difficile renderà complicati anche i prossimi tre mesi, ma si aspetta comunque un leggero incremento delle entrate (tra 2 e 5%). Intanto per questo trimestre la compagnia registra una diminuzione sia di entrate che di profitti. Il fatturato del terzo trimestre si ferma, infatti, a 1.7 miliardi di dolllari, in diminuzione dell’11% e leggermente più basso delle attese degli analisti ($13.89 miliardi Thomson Reuters I/B/E/S).
I profitti crollano, come si accennava, del 47% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e sono pari a 475 milioni di dollari (27 centesimi per azione).

Dell sta provando a spostare il proprio core business dal mercato consumer a quello dei prodotti e servizi per le aziende e, almeno parzialmente, stando ai risultati economici delle singole divisioni, la nuova strategia potrebbe rivelarsi efficace, nonostante il rinvio degli acquisti IT da parte delle aziende, per le incertezze del contesto macro-economico, complichi la situazione.

La corporation vede, infatti, crescere le entrate derivanti da enterprise solution (+3%, 4.8 miliardi di dollari) e quelle provenienti da server e networking (11%). La società sostiene, inoltre, di essere l’unica tra i primi tre produttori mondiali ad aver registrato nel trimestre una crescita delle vendite in termini unitari in quest’ultimo settore. Al contrario, crollano le vendite di consumer PC che generano un significativo 23% in meno di entrate (2.5 miliardi di dollari) e si registra una forte riduzione anche del fatturato derivante dagli acquisti da parte di grosse corporation (8%, $4.2 miliardi).

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This