Market & Business

Google e Amazon sotto accusa per pratiche fiscali “creative” in UK

London - Westminster

Il parlamento del Regno Unito indaga sulle pratiche fiscali dei giganti internazionali della new economy ma anche dell’economia tradizionale. Le multinazionali avrebbero aggirato la tassazione nel paese tramite una accordi non dichiarati con le autorità tributarie dei cosiddetti paradisi fiscali, o di paesi interessati ad ospitare le sedi europee di società americane, e pratiche fiscali ‘creative’.

I deputati della commissione Conti Pubblici di Westminster hanno chiesto, infatti, ai dirigenti di società del calibro di , e conto delle proprie scelte fiscali. L’iniziativa è arrivata dopo una serie di inchieste giornalistiche che mostravano il pagamento di somme ridottissime da parte delle aziende a fronte di forti entrate nel paese.

Una lunga indagine della agenzia di stampa Reuters ha, ad esempio, dimostrato che Starbucks ha pagato  soltanto 8.6 milioni di sterline in durante 14 anni di attività. La multinazionale ha ridotto il carico fiscale grazie ad un accordo confidenziale favorevole con l’Olanda, paese dove ha sede un grande impianto di torrefazione e il quartier generale europeo della multinazionale del caffè.

Google ed Amazon hanno usato strategie simili, aprendo le proprie sedi legali europee in paesi che offrivano significativi vantaggi. Amazon sarebbe riuscita ad aggirare la tassazione trasferendo nel 2006 la proprietà della sussidiaria britannica ad una società con sede legale in Lussemburgo. In questo modo, a fronte di entrate lo scorso anno pari a 3.3 miliardi di sterline nel paese, il gigante dell’e-commerce non avrebbe praticamente pagato tasse sui profitti. Google avrebbe utilizzato pratiche simili per ridurre fortemente quanto dovuto all’erario. Google-, con una simile strategia, a fronte di vendite nel 2011 pari a 2.5 miliardi di sterline avrebbe pagato soltanto 3.4 milioni di tasse, secondo il quotidiano The Guardian.

I cittadini – ha spiegato enfaticamente il presidente della commissione del Regno Unito, Margaret Hodge – vogliono sapere perché certe aziende, che usano le infrastrutture locali e pagano stipendi bassi integrati da sgravi fiscali pagati dai contribuenti, non fanno la loro parte“.

Noi paghiamo tutto quel che siamo tenuti a pagare“, ha risposto Matt Brittin, responsabile di Google per il Nord Europa, ammettendo apertamente di aver aperto il quartier generale europeo in Irlanda proprio per il trattamento fiscale favorevole. La dichiarazione, in sintesi e tradotta, suona molto: il mercato globale e le leggi internazionali ci permettono simili pratiche fiscali, non violiamo nessuna legge; ovvero questo è il sistema globale noi sappiamo sfruttarlo.

Non vi stiamo accusando di illegalità, ma di immoralità“, ha però ribattuto con forza Hodge, che alla fine ha commentato “I consumatori farebbero bene a boicottare queste aziende“.

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. Pingback: Australia: Google accusata di aggirare le norme sulla tassazione | Tech Economy

  2. Pedro

    23/07/2013 alle 14:58

    E’ un continuo drenare di liquidità dal vecchio al nuovo continente, non è sorprendente che aziende Europee abbiano difficoltà a competere e gli Stati vacillino.
    In attesa di una Europa Federale con una fiscalità omogenea, sono convinto che il boicottaggio e la ricerca di provider di servizi Europei sia l’unica strada da percorrere nell’interesse nostro e delle nostre strutture sovrannazionali.

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This